RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 CORSI DI STUDIO
 Filosofia Vedica (Vaisnava)
 Scopo della coscienza di Krishna
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Andrea.m
Moderatore


Emilia Romagna


147 Messaggi

Inserito il - 27/01/2006 : 10:25:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare Krishna a tutti, oggi parliamo della cosa significhi coscienza di Krishna

Questo movimento ha lo scopo di risvegliare la coscienza di Dio nella società umana.

La società umana si distingue da quella animale, poiché gli animali non possono comprendere Dio.

Chi ha un corpo umano, e non lo utilizza per capire chi o che cosa è Dio, viene considerato un animale e un avaro.
Infatti, gli avari, pur avendo grandi ricchezze, non le utilizzano e così conducono ugualmente una vita grama.

Similmente l’uomo che non sfrutta il corpo umano per comprendere Dio, conduce una vita molto miserabile, poiché è costretto a vagare continuamente nel ciclo di nascite e morti, incontrando talvolta gioia e talvolta dolore.
In ultima analisi però, anche la gioia, quando deriva dal contatto con il mondo materiale, non è altro che una forma meno intensa di dolore.

Nel mondo materiale ci sono vari tipi di sofferenza: le sofferenze che derivano dagli esseri celesti (come terremoti o carestie) quelle che derivano dagli altri esseri viventi, e quelle che derivano dalla mente e dal corpo sottile in generale.

Oltre a queste sofferenze, bisogna considerare anche la malattia, la vecchiaia e la morte alle quali nessuno purtroppo può sfuggire.

Il mondo materiale non è il posto adatto per l’anima individuale.

La natura dell’anima infatti è completamente spirituale, come eterna servitrice di Krishna, e finche' non la impegneremo in questo naturale ed eterno servizio, continueremo a soffrire.

Il modo più naturale di impegnare l’anima al servizio di Dio, è quello di cantare i santi nomi del Signore.

Questa è l’essenza del Movimento per la Coscienza di Krishna.

Tramite il canto del Maha Mantra Hare Krishna ristabiliamo il legame con Krishna, Dio, e ci associamo a Lui.

Hare significa “energia di Dio”, e Krishna significa “Dio, l’infinitamente affascinante”.

Il Maha Mantra è una vibrazione trascendentale che ha il potere di metterci direttamente di contatto con Dio: questo mantra non ha limitazioni di tempo o di spazio, ovunque lo si canti e in qualsiasi momento, si ristabilisce la propria relazione con Krishna.

Possiamo paragonare il canto del Maha Mantra alle onde radio, infatti appena si accende una radio, immediatamente possiamo ascoltare quello che succede per mezzo delle onde radio che ci mettono subito in contatto.

Similmente appena pronunciamo il Maha Mantra:
HARE KRISHNA HARE KRISHNA KRISHNA KRISHNA HARE HARE /
HARE RAMA HARE RAMA RAMA RAMA HARE HARE,
siamo in contatto con Krishna, Dio.

Il canto del Maha Mantra, non può essere paragonato ad una canzone mondana. Essendo materiali, le canzoni mondane prima o poi stancano, smettendo di apportare piacere.

Ma il suono trascendentale del mantra Hre Krishna, poiché viene direttamente dal piano trascendentale, non stanca mai.
Questo lo possiamo vedere praticamente, infatti chi è impegnato nella coscienza di Krishna, pur cantando tutti i giorni 16 giri di japa mala di mantra Hare Krishna, non è mai stanco.

Al contrario, tutte le vibrazioni materiali, quando vengono ripetute un certo numero di volte, stancano subito.

Grazie

(fine)
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,14 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum