RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 19
 karma-kandiya (e pravritti marga ecc., n.d.r.)
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

ele
Utente Medio



35 Messaggi

Inserito il - 05/12/2009 : 18:38:11  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare Krishna Gokula,nelle spiegazioni dei versi 3-4-5 del cap 4 secondo canto dello Srimad Bhagavatam,Srila Prabhupada parla del karma-kandyia.Per favore potresti spiegare meglio cosa significa?
grazie Haribol !!!

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1985 Messaggi

Inserito il - 07/12/2009 : 03:46:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cara ele, Hare Krishna, grazie della domanda.

Karma-kandiya, o karma-kanda, e' chiamata la sezione (kanda) dei Veda che descrive i vari tipi di sacrifici religiosi da compiere per ottenere un fiorente sviluppo economico, e la conseguente possibilita' di godere dei sensi: infatti e' possibile soddisfare ogni desiderio materiale in modo autorizzato da Dio, regolando le proprie attivita' in base alle direttive dei Veda.

Questo sistema, chiamato "pravritti marga", e' definito dai 4 principi di vita indicati con le parole sanscrite "dharma-artha-kama-moksa", che si possono tradurre in linea di massima con "religione-sviluppo economico-gratificazione dei sensi-liberazione": compiendo i dovuti sacrifici religiosi, si ottiene una certa agiatezza economica, con la quale e' possibile soddisfare i propri sensi in modo religioso, secondo la legge divina (sposandosi e procreando, godendo dei conseguenti rapporti familiari, sociali e cosi' via). Si suppone infine, che dopo molto tempo passato a compiere tali attivita', una persona intelligente voglia rinunciarvi spontaneamente, dedicandosi a raggiungere almeno la liberazione impersonale (moksa), l'obbiettivo piu' elevato per le persone comuni.

Questa e' la strada che i Veda prevedono per la maggior parte di coloro che sono venuti in questo mondo, affinche' abbiamo la possibilita' di soddisfare in modo lecito i propri desideri materiali, e allo stesso tempo siano guidati gradualmente verso il fine ultimo dell'esistenza (dopo molte vite allo stato di moksa, la liberazione, chi e' intelligente si abbandona a Dio, la persona suprema, come Krishna spiega nella Bhagavad-Gita 7.19:

bahunam janmanam ante
jnanavan mam prapadyate
vasudevah sarvam iti
sa mahatma su-durlabhah

TRADUZIONE

"Dopo molte nascite e morti chi è situato nella vera conoscenza si sottomette a Me sapendo che Io sono la causa di tutte le cause e sono tutto ciò che esiste. Un'anima così grande è molto rara").

----------------------

Il karma-kanda descrive la strada del pravritti marga, detta anche "dei 4 purusartha" (i 4 principi menzionati sopra).

Nei Veda vi sono poi altre 2 sezioni, il "jnana-kanda", che descrive la via della rinuncia, o "nivritti marga", destinata a coloro che desiderano raggiungere subito la liberazione impersonale, moksa, senza passare attraverso le altre fasi della vita, e l'"upasana kanda", che descrive l'adorazione degli esseri celesti, destinata a chi desidera raggiungere i pianeti superiori.

Ad ogni modo tutte queste vie sono estremamente ardue da seguire ai nostri giorni, anzi possiamo dire che e' impossibile farlo, a causa delle difficili condizioni in cui viviamo (penuria economica, brevissima durata di vita, scarsita' di conoscenza ecc. ecc.), ed inoltre non permettono, da sole, di raggiungere la meta piu' elevata in assoluto: percio' Srila Vyasadeva, l'avatara del Signore che mise per iscritto i Veda, circa 5.000 anni fa, stabili' nello Srimad Bhagavatam, la sua opera finale, il principio religioso piu' elevato (detto "pancama-purusartha", o "il 5° purusartha"), cioe' il servizio devozionale a Krishna, Dio, la persona suprema, come l'unica vera via propizia, e percorribile praticamente dalla gente del kali yuga, la nostra epoca.

Lo stesso Vyasadeva infatti, si sentiva profondamente insoddisfatto, dopo la stesura dei Veda (karma, jnana e upasana kanda), cosi' ne chiese la ragione al suo maestro spirituale, Narada muni: la risposta fu che egli non aveva dato sufficiente importanza al servizio devozionale offerto a Dio, la persona suprema, e che le istruzioni dei Veda avrebbero praticamente sviato gli uomini comuni, i quali, portati naturalmente verso il piacere materiale, le avrebbero prese a pretesto per compiere sacrifici in nome della religione, e si sarebbero preoccupati ben poco delle restrizioni (scopo per cui, invece, i Veda erano stati scritti: puoi trovare la conversazione tra Narada e Vyasadeva a questo proposito, nello Srimad Bhagavatam, canto 1, capitolo 5).

Cosi' Srila Vyasadeva descrisse il principio religioso piu' elevato, cioe' il servizio devozionale a Krishna, Dio, la persona suprema, appunto nello Srimad Bhagavatam, la sua opera piu' maestosa, elevata e definitiva, tanto da essere chiamata "la crema dei Veda".

Il bhakti yoga, il metodo di realizzazione spirituale adatto alla nostra epoca, diffuso in tutto il mondo da Bhaktivedanta Svami Prabhupada, fondatore dell'Associazione Internazionale per la coscienza di Krishna, si basa sullo stesso principio: www.radiokrishna.com/bhaktiyoga

Seguendo questo semplice metodo, perfino nel corso di una sola breve vita, si possono ottenere automaticamente i risultati di tutte le altre vie, e raggiungere subito l'obbiettivo finale di tutti i Veda, cioe' conoscere Krishna, Dio, persona suprema, come Egli stesso spiega nella Bhagavad gita 15.15:

sarvasya caham hridi sannivisto
mattah smritir jnanam apohanam ca
vedais ca sarvair aham eva vedyo
vedanta-krid veda-vid eva caham

TRADUZIONE

"Sono nel cuore di ogni essere e da Me viene il ricordo, la conoscenza e l'oblio. Il fine di tutti i Veda è quello di conoscerMi. In verità Io sono Colui che ha composto il Vedanta e sono Colui che conosce i Veda".

---------------------


Haribol !

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,11 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum