RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 UTILITA'
 LEZIONI DEL FONDATORE IN ITALIANO
 La Bhagavad-gita cosi' com'e' - Cap. 3 Versi 6-10
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Sangita Dasi
Moderatore



84 Messaggi

Inserito il - 26/11/2022 : 11:58:03  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
RKC - RADIO KRISHNA CENTRALE PRESENTA:

Lezioni* di Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Svami Prabhupada su

La Bhagavad-gita cosi' com'e'






LEZIONE*
di Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Svami Prabhupada
tenuta a Los Angeles (Stati Uniti), il 23 Dicembre 1968

Traduzione e trascrizione in Italiano a cura di Sangita devi dasi


Capitolo 3
Verso 6

karmendriyani samyamya
ya aste manasa smaran
indriyarthan vimudhatma
mithyacarah sa ucyate

“Colui che reprime i sensi, ma ha la mente ancora legata agli oggetti dei sensi, certamente s’illude ed è un simulatore”.

Prabhupada: Sì. Questo è molto importante. ‘Yoga indriya-samyamya’. Per definizione, yoga significa controllo dei sensi. E qui Krishna afferma che non è possibile controllare i sensi in modo artificiale, proprio come alcuni yogi che chiudono gli occhi, "Oh, non guarderò più una bella donna". Questa è un'altra pratica, ma non significa che siano in grado di controllare i loro sensi. No. Non puoi frenare la forza naturale dei sensi. Questo è il segreto, ma le persone non lo sanno. E se lasci che i sensi vadano a modo loro, anche questo è pericoloso. Allora andrai all'inferno. ‘Adanta-gobhir visatam tamisram’. Se i tuoi sensi non sono controllati, allora ti trascineranno nella regione più oscura dell'inferno. Questo è un altro problema. Generalmente, nel mondo materiale, ‘adanta’ significa ‘incontrollato’, e ‘go’ significa ‘sensi’. ‘Adanta-gobhir visatam tamisram punah punas carvita-carvananam (SB 7.5.30): “A causa dei loro sensi incontrollati, le persone troppo dipendenti dalla vita materialistica progrediscono verso condizioni infernali e ripetutamente masticano ciò che è stato masticato Le loro inclinazioni verso Krishna non sono mai risvegliate, né dalle istruzioni di altri, né dai loro sforzi, né da una combinazione di entrambi”.

Semplicemente, la ripetizione del masticare il masticato (carvita-carvananam). Tutta la storia del mondo – basta studiarla – è una storia di gratificazione dei sensi. Per esempio, una ventina di anni fa un certo signor Adolf Hitler entrò sulla scena e ci furono grandi sconvolgimenti come la guerra in Europa e in America. Dal 1933 al 1947, o pressapoco, tutto il mondo era nei guai. Ma lui è andato, finito. E cosa ha fatto? Solo gratificazione dei sensi, tutto qui. Voleva che il governo fosse in quel modo, secondo i suoi sensi. Altre persone, come il signor Churchill o il vostro presidente Roosevelt, hanno detto: "No. La gratificazione dei sensi non dovrebbe essere così, dovrebbe essere in altro modo". (risate) Perciò è la guerra della gratificazione dei sensi, ecco tutto. Un leader presenta un programma di gratificazione dei sensi, un altro leader presenta un altro programma di gratificazione dei sensi, e c’è lo scontro. Questo è ciò che accade, e questa è la storia del mondo. E un'altra classe pensa: "Oh, ci sono così tanti problemi semplicemente per la gratificazione dei sensi. Controlliamo i nostri sensi!"

Brahma satyam jagan mithya, “Questo mondo è falso”, come sostiene Sankaracarya. I filosofi mayavadi affermano che il mondo è falso, e che solo il Brahman – Brahman Supremo, Brahman impersonale – è la verità. Anche questa è un'altra gratificazione dei sensi. È la gratificazione più grande. Come mai? Perché i filosofi mayavadi vogliono fondersi nell'esistenza del Supremo Uno. Significa che nel diventare Hitler, Churchill o Roosevelt non hanno soddisfatto abbastanza i loro sensi, e perciò affermano: “Questo mondo è falso, ora lasciatemi diventare il Supremo”. È un'altra gratificazione dei sensi. Perciò, senza la coscienza di Krishna, questo mondo è semplicemente gratificazione dei sensi. È tutto. Possono presentarla in un modo o in un altro, ma è sempre appagamento dei sensi. Pertanto i cosiddetti yogi potrebbero meditare quindici minuti o quindici ore o quindici mesi, ma appena la meditazione termina—gratificazione dei sensi. Tutto qui. Questo archetipo di gratificazione dei sensi è molto forte. E finché si abbandoneranno a tale gratificazione, la ripetizione di nascita e morte continuerà. La ripetizione di nascita, corpo e gratificazione sensoriale. Queste persone agiscono solo per questa gratificazione, come spiegato nel Bhagavatam (SB 5.5.4):

nunam pramattah kurute vikarma
yad indriya-pritaya aprinoti
na sadhu manye yata atmano ‘yam
asann api klesada asa dehah

“Quando una persona considera la gratificazione dei sensi lo scopo dell’esistenza, certamente impazzisce, impegnandosi in una vita materialistica e in ogni tipo di attività colpevole. Non sa che a causa dei suoi misfatti passati ha già ricevuto un corpo che, sebbene temporaneo, è la causa della sua miseria. In verità l'essere vivente non avrebbe mai dovuto rivestirsi di un involucro carnale, ma gli è stato conferito per la gratificazione dei sensi. Così penso che non si addice a un uomo intelligente impegnarsi di nuovo nelle attività di gratificazione dei sensi con le quali ottiene perpetuamente corpi materiali uno dopo l'altro”.

Perciò, ‘nunam pramattah’, impazziscono dietro alla gratificazione dei sensi; e ‘kurute vikarma’, per la gratificazione dei sensi agiscono in modo così abominevole da non poter essere pronunciato. ‘Kurute vikarma yad indriya-pritaya aprinoti’, hanno impegnato la loro vita nella gratificazione dei sensi. ‘Na sadhu manye’, oh questo non va bene, non è buono. Perché? ‘Yata atmanah yam’... perché l'anima spirituale ... ‘asann api klesada asa dehah’, questo corpo è temporaneo, ma finché c'è questo corpo, dovrete soffrire. Qual è questa sofferenza? La somma totale della sofferenza è nascita, malattia, vecchiaia e morte. Ciò è dovuto al corpo, quindi il problema è come fermare la ripetizione di questo corpo. Oggi ho un corpo indiano, domani ne avrò uno americano; domani significa la prossima nascita. Nella prossima nascita avrò un altro corpo, e nella prossima un altro corpo, e così via—continua e continua. Non c'è arresto alla trasmigrazione dell'anima. E finché non è fermata, è fuori discussione che siano liberati dalle sofferenze; ma non lo sanno e pensano che stanno progredendo. Quale progresso avete fatto?

Queste sofferenze esistono— nascita, morte, vecchiaia e malattia. Non potete fermarle. ‘Abrahma-bhuvanal lokah’ (Bg. 8.16). [“Tutti i pianeti del mondo materiale, dal più alto al più basso, sono luoghi di miseria dove nascita e morte si susseguono ripetutamente. Ma chi raggiunge la Mia dimora, o figlio di Kunti, non rinasce più”]. Anche se andate sul pianeta lunare o sul pianeta più alto, queste quattro cose vi seguiranno. Perciò la gratificazione dei sensi deve essere fermata; ma se volete fermarla artificialmente, è impossibile—né con il metodo yoga, né con il processo del jnana. Si può controllare solo sul momento. Proprio come un cattivo ragazzo: con la forza puoi impedirgli di comportarsi in modo malizioso, ma appena ne avrà l'opportunità, agirà di nuovo allo stesso modo. Similmente i sensi sono molto forti, non possiamo fermarli artificialmente, quindi l'unico rimedio è la coscienza di Krishna. Questi ragazzi in coscienza di Krishna mangiano del buon prasada, danzano, cantano, leggono la filosofia—anche questa è gratificazione dei sensi, ma è in connessione con Krishna.

Questo è il significato. ‘Nirbandhah krishna-sambandhe’”. (Bhakti-rasamrta-sindhu 1.2.255–256) [“Quando non si è attaccati a nulla, ma allo stesso tempo si accetta tutto in relazione a Krishna, si trascende realmente ogni idea di possesso. Invece, chi rifiuta tutto senza conoscere il legame che unisce ogni cosa con Krishna, non è completo nella sua rinuncia”]. È la gratificazione dei sensi di Krishna. Non direttamente; ma poiché sono parte integrante di Krishna, i miei sensi sono automaticamente soddisfatti. Questo metodo dovrebbe essere adottato. Non artificialmente... Il Movimento per la Coscienza di Krishna è un'arte di vivere grazie alla quale sentirete i vostri sensi pienamente soddisfatti, ma nella prossima vita sarete liberati. Questo è un buon metodo; ma se volete fermare i vostri sensi artificialmente, fallirete. Come Krishna spiega: “Colui che frena i sensi e gli organi d'azione ma la cui mente si sofferma sugli oggetti dei sensi”. Proprio come Visvamitra Muni—ci sono stati molti casi. Era un grande re e voleva essere yogi. Rinunciò al regno e andò nella foresta, dove meditava molto seriamente. Per questo Indra, il re del cielo, mandò alcune ragazze della società del pianeta celeste.

Menaka arrivò sul luogo, iniziò a danzare e cantare davanti allo yogi, che aveva gli occhi chiusi; ma, udendo quella bellissima voce femminile e la danza, non appena aprì gli occhi ne rimase affascinato e l’abbracciò. E tutto finì. Capite? Non è possibile fermare artificialmente la gratificazione dei sensi. ‘Nirbandhah krishna-sambandhe’. Pertanto, abbiamo consigliato ai nostri studenti, ragazzi e ragazze, che se avete ... Naturalmente, se siete seri nella coscienza di Krishna dimenticherete tutti questi nonsensi; ma se siete disturbati, d’accordo, allora sposatevi. Vivete pacificamente come marito e moglie ed entrambi impegnatevi nella coscienza di Krishna. Gradualmente dimenticherete, sia il marito sia la moglie. Non provate in modo artificiale, non avrete mai successo. Ma se potete, cercate di evitarlo con l’avanzamento e la stabilità nella coscienza di Krishna. Proprio come Haridasa Thakura. Ma non cercate di imitarlo—era a un diverso livello. Non possiamo imitare, ma solo seguire. Ci sono due parole in sanscrito, ‘anukarana, anusarana’, che significano “imitare e seguire le orme”. Se cerchiamo di seguire le orme di grandi personalità, molto bene, ma non possiamo imitare. L'imitazione è pericolosa.

Proprio come il Signore Siva, che bevve un oceano di veleno trattenendolo nella sua gola. Non permise che scendesse, così diventò bluastro e perciò il suo nome è Nilakantha. Il suo collo è diventato blu. Siva è potente. Ma se qualcuno lo imita e si abbandona all'intossicazione fumando ganja, andrà all'inferno. Se qualcuno dice, "Bene, Siva è un fumatore, quindi anche noi possiamo fumare". No. Non potete imitare. Potete solo seguire. Proprio come il sole. La luce del sole è così forte da assorbire l'umidità di un luogo sporco, un posto contaminato dove si passa urina e feci, eppure è sempre il sole perché il sole è potente. Ma se rimanete un po’ di tempo in quel luogo, dove vengono lasciati urina e feci, allora sarete subito contaminati perché non siete potenti. ‘Tejiyasam na dosaya’ (SB 10.33.29). [“Coloro che sono molto potenti non rimangono danneggiati; sono come il fuoco che divora tutto e rimane incontaminato]”. Se qualcuno fa qualcosa di veramente straordinario, non deve essere imitato. Dovete seguire le regole e i regolamenti, e ciò vi farà progredire. Non cercate di imitare. Semplicemente rimanete nella vostra posizione, cercate di seguire le regole e i regolamenti, cantate Hare Krishna, e gradualmente otterrete risultati. Non c'è bisogno di essere frettolosi. Continua.

Capitolo 3
Verso 7

yas tv indriyani manasa
niyamyarabhate 'rjuna
karmendriyaih karma-yogam
asaktah sa visisyate

“D'altra parte, una persona sincera che cerca di controllare i sensi attivi con l’aiuto della mente, e s’impegna senza attaccamento nel karma-yoga [nella coscienza di Krishna], è di gran lunga superiore”.

Prabhupada: Sì. Invece di cercare di meditare e controllare i sensi in modo artificiale, coinvolgete i vostri sensi nelle attività della coscienza di Krishna e gradualmente sarete felici. I vostri sensi saranno controllati. Continua.

Devoto: (Spiegazione) “Invece di diventare uno pseudo-spiritualista per ottenere più facilmente i piaceri materiali, è assai meglio mantenere la propria occupazione e cercare allo stesso tempo di raggiungere il fine dell’esistenza, cioè liberarsi dai legami della materia per entrare nel regno di Dio. Nel nostro stesso interesse, il primo scopo (svartha-gati) da raggiungere è Vishnu. L’istituzione del varnasrama-dharma ci aiuta a raggiungere questo scopo. Anche un capofamiglia può raggiungere lo scopo se s’impegna nel servizio di devozione seguendo le regole della coscienza di Krishna. Per giungere alla realizzazione spirituale, l’uomo deve vivere in modo regolato come prescrivono gli sastra e continuare a compiere il suo dovere in uno spirito di distacco. L’uomo sincero che s’incammina su questa via è infinitamente meglio situato dell’impostore che fa mostra di uno spiritualismo mediocre per imbrogliare un pubblico ingenuo. Uno spazzino sincero vale mille volte più di un falso yogi che finge di meditare solo per guadagnarsi da vivere”.

Prabhupada: Sì. Il mio Guru Maharaja era solito dire di non accettare la vita spirituale come mezzo di sostentamento. Come noi che mandiamo fuori il gruppo del sankirtana. Se pensiamo che questo sia un metodo molto semplice per vivere senza lavorare e ottenere denaro per il sostentamento, questo non è desiderabile. Per esempio, ci sono molti cantanti professionisti. Perché le persone amano cantare, hanno fatto di questo un business. Oppure, come in India, ci sono i lettori professionisti del Bhagavata. Perché alla gente piace leggere il Bhagavata, ci sono molti lettori esperti; e, per attrarre le persone, esibiscono imitazioni che descrivono i divertimenti rasa-lila di Krishna. Poiché il rasa-lila è simile alle relazioni tra ragazzi e ragazze, vi prendono parte nel modo più semplice. In America ho visto che le persone scrivono libri sui divertimenti di Krishna con le gopi, come se Krishna non avesse altri divertimenti. Poiché sono facilmente vendibili, scrivono libri su questo argomento. Come il libro scritto dal signor Bhattacarya sulle relazioni di Krishna con le gopi. No. Non va affatto bene. Non si dovrebbe utilizzare le attività della coscienza di Krishna come una professione per il mantenimento. È pericoloso. Si dovrebbe offrire in sacrificio la propria vita a Krishna. Ciò è desiderabile, altrimenti saremo solo dei simulatori. Continua.

Capitolo 3
Verso 8

niyatam kuru karma tvam
karma jyayo hy akarmanah
sarira-yatrapi ca te na
prasiddhyed akarmanah

“Compi il tuo dovere prescritto, perché l’azione è migliore dell’inazione. Senza agire l’uomo è incapace perfino di mantenere il proprio corpo”.

Prabhupada: Sì. Parlando con Arjuna, Krishna non ha mai detto: “Caro Arjuna, sei Mio devoto e amico confidenziale, non devi combattere. Io penserò a tutto, puoi andare sull’Himalaya e meditare". No. Non l'ha mai detto. Krishna è onnipotente, poteva combattere per Arjuna, o dargli tutto senza combattere, ma ha voluto coinvolgerlo—una persona dovrebbe essere impegnata nella coscienza di Krishna seguendo il suo dovere prescritto, ciò è richiesto. Sì. “Compi il tuo dovere, perché l’azione è migliore dell’inazione”. Se non puoi agire in coscienza di Krishna, allora devi eseguire il tuo dovere prescritto secondo il varnasrama. Se sei brahmana devi agire in tal modo, se sei ksatriya devi agire altrettanto; ma non smettere di agire. Krishna dichiara, “Senza lavorare, un uomo non può nemmeno mantenere il suo corpo fisico”; non dice, “Diventa un mendicante cosciente di Krishna e mantieni il tuo corpo in questo modo”. No. Non è necessario. Il servizio per Krishna non dovrebbe essere accettato come professione per il proprio sostentamento, ma deve essere fatto solamente come servizio per il Signore.

Per il servizio del Signore puoi raccogliere milioni di dollari, ma per il tuo sostentamento non puoi prendere un dollaro da nessuno. Altrimenti sarai indebitato e dovrai ripagarlo. Né puoi imbrogliare gli altri—questa è una severa ingiunzione. Se è solo per la soddisfazione di Krishna, allora puoi mendicare o chiedere agli altri. Secondo il sistema vedico, mendicare è permesso. A chi è permesso mendicare? I brahmana, i sannyasi e i brahmacari raccolgono denaro mendicando di porta in porta per il beneficio di altri. Se un brahmacari va a casa di un capofamiglia o di un negoziante per chiedere un contributo, non sta raccogliendo denaro per il proprio sostentamento. È abbastanza competente per lavorare. Ma se quell'unico dollaro contribuisce al movimento per la coscienza di Krishna, allora è un bene per lui. Almeno una parte della sua energia va a Krishna. Questa è la filosofia. Non che, “In un modo o nell'altro, raccoglierò denaro e vivrò molto comodamente”. No. Non possiamo farlo. Possiamo accettare il prasada di Krishna—questa è una cosa diversa. Ma per il comfort personale dobbiamo lavorare.

Se sei karmi, allora devi lavorare. Se sei devoto, e sei completamente impegnato... Devoto significa ‘hrisikena hrisikesa-sevanam bhaktir ucyate’ (Cc. Madhya 19.170). [“Bhakti, o servizio devozionale, significa impegnare tutti i nostri sensi al servizio di Dio, la Persona Suprema, il padrone di tutti i sensi. Quando l'anima spirituale rende servizio al Supremo, ci sono due effetti collaterali. Si è liberati da tutte le designazioni materiali e i propri sensi sono purificati semplicemente essendo impegnati nel servizio del Signore”]. Devoto indica colui che ha impegnato al cento per cento i sensi nel servizio del Signore. Questi è un devoto, un puro devoto. Se uno puoi impegnarti al cento per cento, va bene, impegnati il cinquanta o il venticinque o l'uno per cento; ma dai qualcosa a Krishna. Non essere avaro. Perché qualunque cosa tu abbia, è di Krishna. Finché lo tieni stretto, “È mio”, questa è maya. E appena lo lasci andare per Krishna, questa è la tua libertà. Vai avanti.
Capitolo 3
Verso 9

yajnarthat karmano ’nyatra
loko ’yam karma-bandhanah
tad-artham karma kaunteya
mukta-sangah samacara

“L’attività deve essere compiuta come sacrificio a Vishnu, altrimenti lega il suo autore al mondo materiale. Perciò, o figlio di Kunti, compi il tuo dovere per la soddisfazione di Vishnu e sarai per sempre libero dai legami della materia”.

Prabhupada: Sì. Essere legati a questo mondo significa lavorare per il proprio interesse. Lo stesso esempio. Un soldato che combatte per il paese sotto l’ordine del comandante, più uccide, più ottiene promozioni e medaglie; ma se lo stesso uomo uccide qualcuno quando torna a casa, è impiccato. Perché? Perché quelle uccisioni e quell’omicidio non sono la stessa cosa. Pertanto, chi non può impegnarsi al cento per cento nella coscienza di Krishna, che rimanga nella sua posizione e provi per quanto possibile a sacrificarsi per Vishnu o Krishna. La prescrizione è per i grihastha, il capofamiglia, come Srila Rupa Gosvami, che, mostrando l’esempio di come dovrebbe vivere un grihastha, divideva il suo reddito in quattro parti—il cinquanta per cento a Krishna, il venticinque per cento alla famiglia e il venticinque per cento al suo fondo personale di riserva. Non che su cento dollari, il novantanove per cento è per la moglie e l'un per cento è per Krishna. No. Si dovrebbe sacrificare almeno il cinquanta percento. Mentre i brahmacari e i sannyasi dovrebbero sacrificare tutto, il cento percento, i grihastha non possono farlo perché hanno moglie e figli; quindi il cinquanta percento. Queste sono le regole prescritte per il compimento della coscienza di Krishna. Ad ogni modo, se uno non può dare il cento per cento, che sacrifichi almeno l'uno o il due percento. Più si arrende, più si libera dalla schiavitù; più usa il suo guadagno per la gratificazione dei sensi, più diventa vincolato dalle leggi della natura materiale.

Spiegazione: “Poiché è necessario agire, se non altro per provvedere ai bisogni del corpo, i doveri di ogni individuo sono stabiliti, in base alla sua posizione sociale e spirituale, in modo da procurargli tutto il necessario per vivere. Il termine yajna designa sia Vishnu sia gli atti di sacrificio, perché tutti i sacrifici esistono solo per soddisfare Vishnu. I Veda affermano a questo proposito: yajno vai vishnuh. In altre parole, servire direttamente Vishnu vale quanto eseguire tutti i sacrifici prescritti. La coscienza di Krishna è dunque la forma di yajna consigliata in questo verso. Anche l'istituzione del varnasrama mira a questo, soddisfare Sri Vishnu: varnasramacaravata purusena ... (Vishnu Purana 3.8.8)”

Prabhupada: ‘Acaravata purusena parah puman vishnur aradhyate’ (Cc. Madhya 8.58). [“Il Signore Supremo, Sri Vishnu, è adorato mediante la corretta esecuzione dei doveri prescritti nel sistema di varna e asrama. Non c'è altro modo per soddisfare Dio, la Persona Suprema”.] Seguire i doveri prescritti di una particolare sezione della società, cercando di seguire le istruzioni degli sastra, significa soddisfare Vishnu. Vai avanti.

Spiegazione: “Pertanto si deve agire per la soddisfazione di Vishnu. Ogni altra forma di attività compiuta nel mondo materiale sarà solo causa di schiavitù, perché sia le azioni buone sia quelle cattive comportano una reazione, e qualsiasi reazione vincola l'esecutore. Si deve quindi agire in coscienza di Krishna per soddisfare Krishna, o Vishnu, e mentre si eseguono tali attività, perché questo tipo di attività non condiziona il suo autore ma lo libera immediatamente. Questa è l’arte dell’agire, e all’inizio si rivela indispensabile l’aiuto di una guida esperta. Si deve dunque agire con coscienza, seguendo le indicazioni di un devoto di Krishna o di Krishna stesso (come nel caso di Arjuna). Non si deve fare niente per la gratificazione dei sensi, ma si deve fare tutto per la soddisfazione di Krishna. Così non solo saremo liberati da tutte le conseguenze materiali, ma ci eleveremo fino al trascendentale servizio d’amore al Signore, unica via per raggiungere il regno di Dio”.
Prabhupada: Sì. Leggi il verso successivo.

Capitolo 3
Verso 10

saha-yajnah prajah sristva
purovaca prajapatih
anena prasavisyadhvam
esa vo 'stv ista-kama-dhuk

“All’inizio della creazione il Signore di tutte le creature generò uomini ed esseri celesti, insieme con i sacrifici a Vishnu, e li benedisse dicendo: “Siate felici compiendo questi yajna [sacrifici], poiché essi vi porteranno tutto ciò che desiderate per vivere felicemente e raggiungere la liberazione”.

Prabhupada: Con la creazione ebbe origine anche lo yajna, e dopo la creazione fu ordinato a tutti gli esseri creati di eseguire i sacrifici (yajna). ‘Yajna-dana-tapah-kriya na tyajyam’. Nella Bhagavad-gita è detto che si può diventare sannyasi, se si è rinunciato al mondo. Ma poiché yajna significa agire per la soddisfazione di Vishnu, le attività come yajna, sacrifico; dana, carità; tapah, austerità – seguendo le regole e le regolazioni per l'elevazione spirituale – non devono essere abbandonate. Se uno proclama, “Oh, io ho rinunciato al mondo”, non significa che può rinunciare al servizio del Signore. No. Anche se è un sannyasi, deve lavorare per Krishna. Che sia sannyasi o brahmacari o capofamiglia deve lavorare per Krishna. Ma il vantaggio del sannyasi, poiché non ha legami ed è distaccato dalle relazioni familiari, è di avere un servizio a tempo pieno per Krishna; come pure il brahmacari, che non è sposato e semplicemente lavora sotto l'ordine del maestro spirituale. Pertanto, non importa se siamo brahmacari o sannyasi o capofamiglia, il segreto è lavorare per Krishna, altrimenti saremo catturati da maya. Vai avanti.

Spiegazione: “L’universo materiale, creato da Vishnu, il Signore di tutte le creature, offre alle anime condizionate la possibilità di tornare a Dio, nella loro dimora originale”.

Prabhupada: Sì. Nella Bhagavad-gita troverete che la creazione cosmica ... Proprio come il nostro corpo. Questo corpo è creato in un certo periodo dal padre e dalla madre, e rimane per un po' di tempo, si sviluppa, dà sottoprodotti, compie attività, poi declina e svanisce. Similmente l'intera manifestazione cosmica è un immenso corpo: anch’esso ha un tempo di creazione, si espande, ha sottoprodotti e attività, poi declina e scompare. Ma perché c'è questa creazione? La creazione esiste perché a coloro che si ribellano a Dio, Krishna, non è permesso entrare nel regno di Dio. Sono tenuti in disparte e questa creazione è fatta solo per dare loro la possibilità di sviluppare la coscienza di Krishna. Gli sastra vedici e i rappresentanti di Krishna sono presenti. Ed essi insegnano: “Cara anima condizionata, per favore adotta questo mezzo e metti fine alla ripetizione di nascita e morte. Vieni nel regno di Dio”. Questa è un’opportunità.

Ma se qualcuno considera, “Ora ho un corpo, fammi godere dei miei sensi al massimo”, allora è condannato, e perde l’opportunità. Pertanto, questo corpo di forma umana non dovrebbe essere sprecato semplicemente nella gratificazione dei sensi come cani e gatti. Coloro che non conoscono le implicazioni della natura materiale, non sanno che cosa significa vita spirituale o vita materiale. Sono dei mascalzoni, semplicemente godono dei sensi, che sono stati assegnati dalle leggi della natura. E pensano: “Questa è la cosa migliore che abbiamo, godiamocela al massimo”. No, non va bene. Dovete approfittarne per uscire da questo campo di attività materiali ed entrare nel regno di Dio. Questa è l’opportunità della creazione. Vai avanti.

Spiegazione: “Tutti gli esseri, nella creazione materiale, sono condizionati dalla natura materiale perché hanno dimenticato l’eterna relazione che li lega a Vishnu, o Krishna, Dio, la Persona Suprema. Gli insegnamenti vedici hanno lo scopo di aiutarci a capire questa relazione eterna. Il Signore afferma che il fine dei Veda è quello di conoscerLo. E negli inni vedici si proclama che il Signore di tutti gli esseri viventi è Vishnu, Dio, la Persona Suprema: patim visvasyamesvaram”.

Prabhupada: Sì. Nel quindicesimo capitolo è spiegato, ‘vedais ca sarvair aham eva vedyah’ (Bg 15.15).
[“Sono nel cuore di ogni essere e da Me viene il ricordo, la conoscenza e l'oblio. Il fine di tutti i Veda è di conoscerMi. In verità, Io sono il compilatore del Vedanta e il conoscitore dei Veda”.]
Qual è lo scopo di così tante scritture e letterature vediche? Semplicemente per darvi informazioni che c'è Krishna e che siete eternamente legati a Lui – l’avete dimenticato. Fate rivivere questa relazione e perfezionate la vostra vita. Questa è la somma e la sostanza di tutta la letteratura vedica. Vai avanti.

Spiegazione: “Negli inni vedici si dice, patim visvasyarmesvaram: Il Signore degli esseri viventi è Dio, la Persona Suprema”.

Prabhupada: Sì, il Signore degli esseri viventi; proprio come c’è il leader della società, di un partito o un di un circolo locale. Ci sono vari tipi di leader. Alcune persone sono guidate da qualcuno e altre da qualcun altro. Non vogliamo discutere. Ma deve esserci un leader. Senza leader, nessuno va all'inferno né in paradiso. Il leader supremo è Krishna. Il capo di tutti i capi. ‘Nityo nityanam cetanas cetananam, eko bahunam yo vidadhati kaman’ (Katha Upanisad 2.2.13). [“Il Signore Supremo è eterno e gli esseri viventi sono eterni. Egli è consapevole e gli esseri viventi sono consapevoli. La differenza è che il Signore Supremo provvede a tutte le necessità di vita di tutti gli esseri viventi”.] Queste sono le parole dei Veda, e Krishna è il capo supremo. Tutti seguono un leader – qualcuno segue Stalin, o Hitler, o Gandhi, o qualcun altro – deve esserci un leader.

Ma perché, non il leader supremo che non ti farà mai deviare? Ti darà un vero percorso di felicità e sarai felice. Perciò Krishna dice, ‘sarva-dharman parityajya’ (Bg. 18.66), lascia perdere ogni guida senza senso. “Semplicemente vieni a Me, abbandonati a Me. Io ti darò la protezione”. Ciò è richiesto. Non c'è dubbio che tutti stiano seguendo un leader; ma sono leader ingannevoli. ‘Andha yathandhair upaniyamanah’ (SB 7.5.31). Proprio come un cieco che guida altri ciechi. A cosa servono questi leader? Lui è cieco e io sono cieco. Se mi porta ad attraversare la strada, che sarà della mia vita? La mia vita è in pericolo, perciò non seguire questi ingannatori. Krishna è il leader riconosciuto. Tutti i leader della società, in qualsiasi parte del mondo, hanno accettato Krishna come capo supremo. SeguiLo. Allora sarai felice. Vai avanti.

Spiegazione: “Vishnu è il Signore di tutte le creature viventi, di tutti i mondi e di tutte le bellezze, e il protettore di tutti. Il Signore ha creato questo mondo materiale affinché le anime condizionate imparino a eseguire gli yajna (sacrifici) per la soddisfazione di Vishnu, affinché, mentre si trovano nel mondo materiale, possano vivere tranquillamente senza preoccuparsi troppo delle necessità materiali ed entrare nel regno di Dio dopo aver lasciato il corpo materiale. Questo è il piano del Signore per aiutare le anime condizionate. Compiendo yajna, le anime condizionate diventano gradualmente coscienti di Krishna e devote sotto tutti gli aspetti. In quest'era di Kali il sankirtana-yajna o il canto dei santi nomi di Dio, è raccomandato dalle scritture vediche, e questo sistema trascendentale fu introdotto da Sri Caitanya Mahaprabhu per la liberazione di tutti gli uomini. Il sankirtana-yajna e la coscienza di Krishna vanno di pari passo. L’apparizione del Signore nella forma di un puro devoto, Sri Caitanya Mahaprabhu, venuto per propagare il Movimento del sankirtana, è menzionata nello Srimad Bhagavatam: “Nell’era di Kali le persone dotate di sufficiente intelligenza adoreranno il Signore e i Suoi compagni compiendo il sankirtana-yajna”.

Prabhupada: Sì. C'è un verso, ‘yajnaih sankirtana-prayair yajanti hi sumedhasah’ (SB 11.5.32). [“Nell'era di Kali le persone intelligenti partecipano al canto congregazionale per adorare l'incarnazione di Dio che canta costantemente i nomi di Krishna. Sebbene la Sua carnagione non sia nera, Egli è Krishna stesso, ed è accompagnato dai Suoi associati, servitori, armi e compagni confidenziali]. Coloro che sono una classe di uomini intelligenti in quest'era adoreranno questa forma del Signore. ‘Krishna-varnam tvisakrisnam sangopangastra-parsadam’, il Signore che canta sempre i santi nomi di Krishna, ma il suo corpo non è nero, è di carnagione chiara. Questi è Caitanya Mahaprabhu, ed è seguito da molti devoti, ‘sangopangastra-parsadam’, come potete vedere nell’immagine, Caitanya Mahaprabhu è sempre seguito dai suoi associati e devoti, ‘sangopangastra-parsadam’. Dovremmo adorare questa forma del Signore. Non adoriamo Krishna direttamente, ma attraverso Sri Caitanya Mahaprabhu e il movimento del sankirtana. Questo è il metodo prescritto negli sastra. Non si può adorare Krishna direttamente, perché allora si fraintenderà. Perciò, coloro che non seguono la via del movimento del sankirtana di Caitanya e vogliono comprendere Krishna, semplicemente fraintenderanno il rasa-lila di Krishna. È tutto. Continua.

Spiegazione: “Anche se gli altri yajna prescritti nella letteratura vedica non sono facili da eseguire in quest’era di Kali, il sankirtana-yajna è il più facile e sublime per tutti gli scopi, com’è raccomandato nella Bhagavad-gita”.

Prabhupada: Sì. Nella Bhagavad-gita è anche raccomandato, ‘satatam kirtayanto mam yatantas ca dridha-vratah’ (Bg 9.14). [“Cantando sempre le Mie glorie, sforzandosi con grande determinazione, prosternandosi davanti a Me, queste grandi anime Mi adorano eternamente con devozione”] Pertanto questo metodo – cantare il mantra Hare Krishna e gradualmente sviluppare la coscienza di Krishna – è l'unico mezzo per elevarsi allo stadio della perfezione che è destinato a questa vita umana. Altrimenti, secondo il popolare detto, è come “darsi la zappa sui piedi”. Niente più di questo. È tutto. Grazie.




Fine
------------------

Altro sull'autore, Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Svami Prabhupada

Biografia:
www.radiokrishna.com/vsp_online.php

Altre opere: www.radiokrishna.com/books_online.php

Lezioni Audio: www.radiokrishna.com/rkc_archive_new/index.php?q=s&sm=fi&s=lezioni+di+srila+prabhupada&x=8&y=6

Canzoni, Bhajans ecc.: www.radiokrishna.com/rkc_archive_new/index.php?q=f&f=%2FMusica+-+Music+A-K%2FBhaktivedanta+Swami+Prabhupada

------------------

Vuoi continuare la lettura o approfondire la tua conoscenza della Bhagavad Gita cosi' com'e' ?
Visualizzala o scaricala gratuitamente !

Presentazione: www.facebook.com/note.php?note_id=169564179697

Lettura/download PDF: www.radiokrishna.com/fclick/fclick.php?fid=1

Download come APP per Android: www.radiokrishna.com/fclick/fclick.php?fid=604


Puoi anche seguire il

Corso di studio sul forum di RKC:
https://padasevanam.mediarama.com/rkcforum/forum/forum.asp?FORUM_ID=27


oppure le

Lezioni del maestro S.G. Tridandi Prabhu dal tempio ISKCON di Terni su Youtube:


NUOVE





VECCHIE





oppure su Facebook (anche in diretta il Sabato pomeriggio):



www.facebook.com/pg/iskconITAnews/videos/



Hare Krishna !

La redazione di Radio Krishna Centrale

------------------

DISCLAIMER *
Le lezioni, a volte sono riportate sottoforma di estratto, per una presentazione adatta anche ai lettori estranei agli argomenti trattati, o in generale al metodo del bhakti yoga, la coscienza di Krishna.
Cio' allo scopo di evitare possibili fraintendimenti, sul significato di alcuni termini e concetti espressi, non sempre corrispondenti alle accezioni linguistiche attuali, e quindi talvolta, causa di una comprensione errata o distorta delle vere intenzioni, del maestro spirituale fondatore.

Il testo integrale originale (in Inglese) delle lezioni, e' comunque reperibile in rete su vari siti esteri.







  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,3 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum