RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]



                                     


Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 03
 Stato incondizionato e stato condizionato
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'č:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

mistic-patanjali
Nuovo Utente


Lazio


2 Messaggi

Inserito il - 27/03/2004 : 17:36:09  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cari amici,
e' da non molto che sono interessato alla Coscienza di Krishna; pratico lo Hata Yoga da alcuni anni, sono vegetariano e non bevo caffe' e superalcolici, ma ho alcuni dubbi inerenti la forma Personale del Divino ( Iswara). Mi chiedo, come e' possibile che Dio, una volta disceso nel mondo materiale ( e quindi nell'Universo dominato dal relativo e dalla dualita') non sia anche lui vittima di Maya, o meglio, se anche lui risente dello stato condizionato ovvero di un parametro e del suo opposto ( luce-buio, caldo-freddo, grande-piccolo ecc. ).
E ancora, come e' possibile che oltre lo stato impersonale del Brahaman Supremo ove non esisyte forma e quindi si se' in una situazione incondizionata e assoluta vi sia poi una Forma Personale di Dio che a questo punto potrebbe essere di nuovo nel relativo?
Vi ringrazio.
Hare Krishna!

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1978 Messaggi

Inserito il - 27/03/2004 : 22:06:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro amico, Hare Krishna, grazie dell'intervento e delle belle domande. Se, come sembrerebbe dal tuo soprannome, pratichi lo yoga che si rifa' ai sutra di Patanjali, la meta finale dovrebbe essere molto simile, se non uguale, a quella degli adepti del bhakti-yoga, praticato dagli Hare Krishna e, come dicevamo in altre discussioni, dalla maggior parte dei seguaci delle fedi monoteistiche.

Saro' lieto di approfondire l'argomento, se sara' di tuo gradimento, nel frattempo cerchero' di rispondere in breve ai tuoi quesiti.

La risposta alla tua prima domanda presuppone la comprensione che la persona di Dio, Krishna o Sue emananzioni plenarie, abbia un corpo composto da sat-cit-ananda, eternita', conoscenza e felicita', cioe' di completa energia spirituale. Della stessa composizione sono anche i corpi degli esseri viventi che popolano il mondo spirituale, interamente permeato della stessa natura assoluta non-duale.

Quando Dio "scende" in questo mondo, lo fa con il suo corpo trascendentale, che non puo' mai essere toccato dall'energia materiale. Apparentemente, si muove tra gli uomini comuni come se fosse uno di loro, ma in realta' rimane sempre in una posizione superiore, al di la' della dualita' (infatti compie azioni straordinarie, che non sono possibili per altri).
Per quanto riguarda Maya, la Sua energia d'illusione, agisce in modo a Lui subordinato: essa e' in grado di imporre la dualita' alle anime individuali come noi, ma non ha alcun potere su Dio, dal Quale la sua forza proviene; la sua posizione e' spiegata nella Bhagavad-Gita, capitolo 9 verso 10: mayadhyaksena prakriti - suyate sacara 'caram (...).
Da cio' si deduce come Egli sia completamente libero di muoversi a Suo piacimento anche "all'interno" del mondo della dualita': in realta' Egli non "entra" esattamente nel mondo materiale, vi manifesta soltanto le attivita' che desidera compiere, che comunque sono sempre a beneficio degli esseri viventi, anche se apparentemente opposte; per esempio, la protezione che concede ai Suoi devoti, e il fatto di uccidere i demoni, comportano entrambi lo stesso risultato, cioe' la liberazione spirituale delle persone coinvolte nei Suoi passatempi. Anche se, dal punto di vista esterno, alcune persone vengono protette, ed altre uccise, il risultato e' il medesimo, infatti in Krishna si risolvono tutte le dualita'.

Si puo', poi, rispondere alla tua seconda domanda spiegando come la persona di Dio abbia anche le proprie personali attivita', che si svolgono tutte sul piano della trascendenza, nel Suo regno assoluto, in compagnia dei Suoi associati. Sui pianeti spirituali, al di la' del Brahman impersonale (che rappresenta lo sfolgorio del corpo del Signore), le tre influenze della natura materiale, con i loro condizionamenti, non possono agire, in quanto ogni cosa e' formata dalla medesima sostanza spirituale, sat-cit-ananda, della stessa natura del Signore: percio' non c'e' questione di condizionamento materiale, quando Egli "scende" in questo mondo, lo fa per Sua spontanea volonta', e non per costrizione.

Spero di esserti stato utile, grazie ancora per averci contattato e a presto, Hare Krishna !

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina

mistic-patanjali
Nuovo Utente


Lazio


2 Messaggi

Inserito il - 28/03/2004 : 20:39:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cuao Gokula,
ti ringrazio della cortese risposta; in effetti penso che l'insegnamento di Patanjali comprenda anche l'aspetto bakti e quindi devozionale oltre alla pratica delle asana e del pranayama. Vorrei sapere se esiste la possibilita' di una iniziazione senza dover vivere nel Tempio; io. ogni tanto frequento il centro Govinda di Roma ove seguo le lezioni sulla Cultura Vedica.
A proposito come posso scaricare i Maha Mantra dal vostro sito?
A presto.
Hare Krishna!
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1978 Messaggi

Inserito il - 29/03/2004 : 01:06:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro amico, Hare Krishna, in effetti lo scopo finale di tutte le scuole di yoga e' quello di concentrare la mente sulla persona di Dio, raggiungendo cosi' lo stadio del perfetto samadhi.
I metodi come l'hatha yoga e l'astanga yoga portano alla meta attraverso vari stadi, tra i quali quelli che tu citi, asana e pranayama, tuttavia normalmente richiedono dei tempi di esecuzione lunghissimi.
Per questo motivo ai giorni nostri, dove il tempo a disposizione e' molto ridotto e i disturbi esterni sono piu' che mai intensi, si consiglia di praticare direttamente il bhakti-yoga, che porta alla meta finale in breve tempo.

Puoi certamente continuare la tua vita quotidiana attuale, ed iniziare ugualmente la pratica del bhakti yoga, non e' indispensabile vivere in un tempio.
Dal momento in cui si cominciano a seguire le istruzioni di un maestro spirituale autentico, si e' considerati iniziati sostanzialmente (siksha) da tale maestro, e a questo scopo ti presentiamo Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Swami Prabhupada, il fondatore del movimento Hare Krishna: i suoi libri contengono tutto cio' che e' necessario sapere per praticare correttamente il bhakti yoga. Il testo di base e' senz'altro la Bhagavad-Gita (che puoi trovare anche on-line sul nostro sito, insieme ad altri suoi libri, a questa pagina http://www.radiokrishna.com/books_online.php ). La pratica principale consiste nel recitare il mantra Hare Krishna per un certo numero di volte al giorno, seguendo dei principi regolatori che favoriscono l'elevazione della coscienza (come essere vegetariani, eccetera).

Frequentando il Govinda di Roma, avrai modo di saperne facilmente tutti i dettagli, infatti e' utile stare in compagnia di persone che stanno gia' seguendo questa strada, per conoscerne tutti gli aspetti.
Inoltre noi siamo a tua disposizione anche attraverso il forum, il sito, via e-mail, telefono ecc., saremo lieti di corrispondere regolarmente con te, e magari di fare la tua conoscenza, personalmente, alla prima occasione.

Per quanto riguarda l'iniziazione formale (diksha), cerimonia durante la quale viene attribuito il nome spirituale, puo' essere richiesta, dopo un periodo di prova adeguato, ad un maestro spirituale della nostra associazione per il quale abbiamo sviluppato fiducia e che riteniamo adatto a guidarci piu' velocemente verso la realizzazione spirituale. Tuttavia credo che nel nostro caso sia un po' prematuro parlarne, e comunque cio' non pregiudica in alcun modo il fatto di poter ottenere il massimo beneficio dalla pratica del bhakti yoga (a questo proposito puoi vedere questa discussione :
http://padasevanam.mediarama.com/rkcforum/forum/topic.asp?TOPIC_ID=70 ).

Infine, nel nostro archivio download (http://www.radiokrishna.com/rkc_archive_new ) ci sono molte versioni del mantra Hare Krishna da ascoltare e scaricare, puoi usare il motore di ricerca della stessa pagina o quello in home page, scrivendo come parola chiave "mantra", "Hare Krishna mantra", ecc.
Qui c'e' un esempio: http://www.radiokrishna.com/rkc_archive_new/index.php?q=s&sm=ff&s=mantra&x=7&y=9
(Tralascia pure il primo file che e' un'altra cosa).

Per aiutarti nella recita, ti consigliamo di ascoltare il mantra pronunciato da Bhaktivedanta Swami Prabhupada (http://www.radiokrishna.com/rkc_archive_new/index.php?q=s&sm=fi&s=chanting&x=8&y=7 ).
Buona pratica !

Spero di esserti stato utile e di risentirti presto, ti saluto per il momento, Hare Krishna !

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina č stata generata in 0,14 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum