RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 03
 Cap. II versetto 23
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c':
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

max
Nuovo Utente



1 Messaggi

Inserito il - 16/03/2004 : 17:48:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare Krishna a tutti,
essendo appena entrato nel forum sono poco pratico, per questo chiedo che mi si perdoni se sbaglio. Premettendo che la mia non vuole n essere una inutile mancanza di rispetto n arida speculazione mentale sento il piacere di porvi la seguente domanda: da cosa si deduce nel Cap. II versetto 23 - Mai un'arma pu tagliare a pezzi l'anima n il fuoco pu bruciarla, l'acqua non pu bagnarla n il vento inaridirla- che gli elementi naturali venivano usati come "primitive" forme di armi? Nella vita, come per il Bhakti Yoga, come per un devoto di Krishna esistono delle regole alle quali ci si deve attenere. Anche nella lingua e nella traduzione esistono queste regole! Sperando di non essere apparso troppo esigente finisco col chiedere gentilmente se esiste una letteratura vedica a sostegno di questo versetto o se solo un'intepretazione che ne d Srila Swami Prabhupada come linea di discendenza di maestri. Spero mi accontentiate.Hare Krishna.

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1982 Messaggi

Inserito il - 16/03/2004 : 21:57:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Max, Hare Krishna, grazie per l'intervento.
Non preoccuparti se ancora non riesci a compredere alcuni concetti dal loro corretto punto di vista: ci riuscirai presto, man mano che attingerai la conoscenza spirituale da una fonte autorevole.
Ti suggerisco dunque di continuare la lettura e approfondirla con altri testi come lo Srimad-Bhagavatam, dove troverai senz'altro ogni spiegazione necessaria. Oppure il Libro di Krishna, se ti sembra piu' comodo, contiene parecchie descrizioni riassuntive della cultura vedica, potresti cominciare la lettura anche di quest'ultimo, se desideri velocizzare la tua comprensione.
Illustrarti tutta la cultura vedica su questo forum sarebbe una impresa troppo ardua, ma giusto per fare un anticipo, ti diro' che le parole che tu citi sono di Krishna, enunciate cinquemila anni fa, di fronte a 640 Milioni di guerrieri in grado di usare gli elementi naturali come armi terribili, ben piu' potenti, precise e selettive di qualsiasi arma del nostro tempo. Altro che primitive !

Le scritture vediche descrivono innumerevoli armi a base di elementi naturali, acqua, aria, terra, fuoco ed etere in particolare, che se usate in maniera appropriata e da persone in grado di controllarle con il mantra corrispondente, potevano provocare immediatamente la morte di Milioni di persone (come successe durante la battaglia di Kuruksetra).
In piu', a quel tempo SOLO i guerrieri combattevano, tra di loro, e nessun innocente venivano disturbato. Le armi erano cosi' progredite e selettive che, nonostante fossero potentissime, in grado di distruggere anche intere citta' o addirittura pianeti, potevano essere dirette esclusivamente verso il bersaglio scelto (non come le nostre bombe atomiche, giusto per fare un'esempio). Tali armi si chiamano brahmastra, ci sono diversi punti dello Srimad Bhagavatam dove si parla delle loro caratteristiche, cosi' come di quelle dei famosi vimana (astronavi), giusto per capire a quale livello di cultura e tecnologia erano gli uomini di quel tempo.

Poiche' in questo verso Krishna sta enunciando l'immortalita' dell'anima, e' perfettamente adatto che descriva la sua immunita' rispetto a qualunque tipo di arma, a base di acqua, terra, aria ecc. ecc.: il punto e' che siamo noi a dover informarci del contesto in cui tali parole sono pronunciate, prima di dire che sono fuori luogo.

E d'altra parte, la linea disciplica di maestri spirituali, se e' autentica, richiede l'assoluta fedelta' al testo originale, quindi non si tratta di interpretare o ri-tradurre i termini che appaiono "inadatti" ai tempi, ma di adeguare la nostra comprensione al contesto. In realta', e' la nostra epoca ad essere indietro tecnologicamente rispetto alla civilta' vedica, e non viceversa.

Spero di averti in qualche modo risposto, ti auguro buona lettura, Hare Krishna !

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1982 Messaggi

Inserito il - 20/03/2004 : 16:19:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
P.S.
C'e' una breve ma dettagliata descrizione delle armi di cui si parla nello Srimad Bhagavatam, Canto 1, Capitolo 8, versi 12 e 13.

Hare Krishna

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina stata generata in 0,11 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum