RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]



                                     


Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 01
 Impersonalismo.La baghavad-gita.
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c':
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

RKC Mayapur
Amministratore

RKC

Estero


1966 Messaggi

Inserito il - 13/11/2003 : 11:39:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Haribol!

Ieri sera leggevo ancora il capitolo 12 della Baghavad-gita.La strada personalista e quella impersonalista.I due diversi yoga.Arjuna chiede a SRI KRSNA quale sia la strada migliore e Krsna dice chiaramente che la migliore il servizio devozionale.Al concetto di impersonalista viene sempre accostato il non manifestato.Cosa esattamente il non manifestato?

Srila Prabhu dice con esatezza di NON incoraggiare gli impersonalisti,visto che la strada molto difficile per l'et di Kali.

La gita dice anche che il primo tipo di Yoga( jnana?) porta comunque a DIO ma la strada molto pi difficile e a volte neanche tanto sicura.

Che ne pensate e cosa avete capito riguardo a questo argomento?Sarei lieto di parlarne.

Hare Krsna!

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1966 Messaggi

Inserito il - 13/11/2003 : 11:40:38  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Hare Krishna.



Prima di tutto vorrei chiedere umilmente scusa per questo forse inutile sfogo. Se ho bestemmiato spero che io venga perdonato. Chissa' dove e chissa' quando......e chiedo scusa a tutti Voi se Vi ho recato in qualche modo offesa con questa mia piccola lettera """"""verita'""""""



Oggi il punto e' questo................ieri sera ero a cena con un amico e abbiamo affrontato un discorso a cui non ho saputo rispondere anche se, devo dire la verita', non ho saputo dargli torto.....facendo un ragguaglio generale, ad oggi, alla fine del 2002 ci sono 42 milioni di persone che muoiono di AIDS, un miliardo di persone vivono in uno stato di poverta' indescrivibile, impensabile e forse anche inimmaginabile. Le guerre stanno seminando ALTRI morti e distruzione, le maggiori foreste del pianeta stanno scomparendo per far posto a pascoli per mucche (lo sapete che le stesse mucche le ritroviamo al McDonald fra due belle fette di soffice, morbido e gommoso pane ???) pecore (lo sapete che le stesse belle pecorine le ritroviamo a pasqua nelle belle tavole imbandite di tutto il mondo cattolico ???)......e cosi mentre noi (o almeno parte di noi) per tradizione o per abitudine ci ritroveremo fra meno di una settimana a tavola con le solite belle tavole imbandite con parenti che ripetono tutti gli anni sempre le stesse cose (ma guarda come sei cresciuto, ma guarda che occhi belli che hai......almeno a me capita cosi' forse mi hanno scambiato per il lupo cattivo di Cappuccetto Rosso) mentre altre persone non possono permettersi NEANCHE UN PEZZO DI FOTT.... PANE (chiedo perdono per la censura, mi sembrava doveroso).



Non sto a dilungarmi troppo ma il punto e' questo.

Siamo nel Terzo Millennio, l'euro ormai e' arrivato nelle nostre case, mangiamo, dormiamo, lavoriamo, ridiamo e nella maggior parte dei casi ci dimenti chiamo di chi ha veramente bisogno di una mano.



Traduco la nuova discussione in pochi punti:



In tutto questo casino.......DIO DOVE E' ?

Si e' dimenticato di noi ?

Ci sta mettendo alla prova ?

Ma lo vede o no che ci stiamo distruggendo !

Con questo concludo augurandoVi Buone Feste con largo anticipo.......e chiedendovi ancora perdono per questa mia !!!





Caro Francesco, Hare Krishna.

Mi sono sentito in dovere di rispondere per cercare di fare un po' di luce sulla mancanza di informazione che e' ormai a dir poco tenebrosa di questi tempi.



Il tuo risentimento e quello del tuo amico contro Dio, sebbene possa essere comprensibile tra circoli di persone mal informate, diventa invece del tutto fuori luogo appena si hanno a disposizione le REALI informazioni sullo stato di cose che stiamo discutendo.



Cerchiamo di andare per ordine: L'AIDS non e' che uno dei molteplici problemi, causato dal tipo di vita privo di regole igieniche, morali e soprattutto religiose della societa' ""moderna"", che affliggono l'umanita'.

Religione significa ""Legge di Dio"". Dio ha creato l'universo con i suoi mondi e le sue leggi, fisiche, morali e tutto quanto. Se l'uomo non segue queste leggi, le sue azioni provocano AUTOMATICAMENTE (leggesi anche ""per la legge di causa-effetto, ossia Karma) delle reazioni. La maggior parte delle reazioni che si possono vedere nel mondo moderno sono sofferenze, sottoforma di malattie, guerre e problemi vari.

Ora, tutti sappiamo che l'ignoranza di una legge non e' una scusante, la condanna deve avvenire ugualmente. Dio in Persona c'entra ben poco in tutto questo, perche' la gestione del mondo materiale e delle sue azioni e reazioni e' affidata all'energia materiale, detta Maya, che agisce in realta' come una specie di tutore, con il compito di ri-educare le anime condizionate in modo che capiscano e scelgano, con il loro proprio libero arbitrio, di abbandonare il vano tentativo di essere felici in questo mondo materiale, dove vivono quasi privi di coscienza di Dio, e di tornare ad essere ETERNAMENTE felici nel mondo spirituale, come compagni di Dio.



Oppure, se lo desiderano, possono anche rimanere in questo mondo, e cercare di essere felici in qualche modo con la gratificazione dei propri sensi, ma in questo caso non dovrebbero accusare Dio di ""permettere"" i massacri, le guerre, la fame ecc. ecc.

La mia domanda e' : che c'entra Dio con tutte queste cose ?

Che diritto abbiamo di arrabbiarci con Lui, e di pretendere che Egli non permetta queste cose, quando queste stesse cose le stiamo provocando noi con il nostro (ignorante) comportamento ?



Lui ci ha gia' dato le Sue istruzioni, sul modo di comportarci e tutti gli elementi per vivere felici quaggiu', nel pieno rispetto delle Sue leggi (vedi ""Cultura Vedica""), e

alla fine della vita, se lo desideriamo, possiamo anche tornare nel mondo spirituale.

Perche' dovrebbe fare qualcosa se noi, con il nostro ostentato comportamento provochiamo tutto questo caos nel mondo ?



Questo e' il punto di partenza dal quale si puo' studiare ogni successivo problema, compresi quelli che tu menzioni e tutti gli altri, per esempio:



1) AIDS A parte il fatto che il virus sembra sia stato creato artificialmente nei laboratori di ricerca ""medica"" (o militare?), rappresenta comunque una reazione alle pesanti attivita' peccaminose compiute da ciascuno di noi, in barba alle leggi di Dio.

La gente compie attivita' sessuali illecite, non contemplate nelle leggi di Dio, pertanto la reazione arriva. Ma e' una cosa automatica, non c'entra niente con ""la volonta' di Dio"". Il corpo e' come una macchina, anche se costituita di energia materiale, grossolana e sottile che la scienza ""moderna"" non conosce quasi per niente. E' adatto a compiere certe azioni, se ne compie altre che non gli si addicono, si guasta. Compiendo attivita' sessuali illecite, mangiando carne, pesce o uova, prendendo intossicanti o giocando d'azzardo, il corpo perde la sua capacita' di agire regolarmente e si ""ammala"", prima o poi, dal punto di vista sia fisico che mentale/psicologico. Perche' stiamo cercando di fargli fare qualcosa per la quale non e' stato creato.

E' come se con una macchina normale volessimo gareggiare in un rally: forse per un po' andiamo avanti, ma al primo salto un po' piu' alto del solito, cominceremmo a perdere pezzi per strada: se persistiamo a correre, alla fine si rompe tutto e rimaniamo con il volante in mano...



2) La fame nel mondo e' provocata principalmente da una scorretta distribuzione e, a pari merito forse, dal consumo di carne animale, per la produzione della quale sono necessari enormi quantita' di cereali, che potrebbero invece nutrire benissimo molte piu' persone non carnivore (rapporto da 16:1 a 45:1, a seconda dei luoghi...)



3) La poverta' dipende da come la si considera. Chi ha detto che non essere poveri significhi possedere la macchina (e le strade, e le fabbriche, e l'inquinamento, e le allergie, e lo stress, ecc. ecc. ecc...)

In India ho visto molti cosiddetti poveri vivere benissimo. Magari gli Inglesi dell'epoca Vittoriana hanno calcato la mano un po' troppo, se li lasciavano stare a quest'ora forse non erano cosi' poveri: Srila Prabhupada ha vissuto in quel periodo, e raccontava spesso di come l'India fosse ben piu' benestante, anche se non industrializzata, prima dell'occupazione britannica.

Invece in Italia ne vedo tanti, di cosiddetti benestanti, che prendono decine di pillole al giorno per andare avanti (verso dove, poi, non si sa...).

A che serve QUESTO tipo di ricchezza ? A spenderla tutta in medicine ?



4) Le guerre. Questo merita un capitolo a parte. Srila Prabhupada l'ha spiegato benissimo, da cosa derivano. E' inutile analizzare le cause intermedie. Il consumo di carne, con il mantenimento dei mattatoi, e' il principale responsabile delle guerre, che non sono altro che la (purtroppo giusta) reazione all'uccisione di migliaia di animali innocenti perpetrata dall'uomo in nome della (falsa, inventata) opulenza.

L'uccisione di animali e' un peccato molto grave, e quello delle mucche e' considerato quasi allo stesso livello dell'omicidio, dalle Scritture Vediche.

Quindi per reazione, ogni tanto (o poco?) tempo la natura materiale provoca una guerra, in cui saranno massacrati i colpevoli di tali sofferenze (il fatto che non ci ricordiamo o non consideriamo un peccato il fatto di uccidere gli animali, non e' una scusante: ricordiamoci che la discriminante qui e' la legge di Dio, che viene fatta rispettare da autorita' superiori, alle quali l'uomo non puo' opporsi minimamente).

Purtroppo, e questo e' un fatto, insieme ai colpevoli, a volte muoiono o sono danneggiati anche degli ""innocenti"", che apparentemente non c'entrano niente con la guerra in atto (atto per il quale si genereranno altre reazioni, sempre piu' negative). Questo e' un motivo in piu' per considerare bene le nostre azioni quotidiane.



Per quanto riguarda le abitudini pagane di una societa' consumistica priva di reale conoscenza di Dio, non c'e' molto da dire, ognuno sta con i suoi simili. Se non ci va bene un tipo di vita, cambiamolo e stiamo con qualcuno che ci vada bene.

A noi comunque spetta solo di dare le informazioni, e poi la scelta di come vivere e' affidata unicamente al proprio libero arbitrio individuale. E' anche abbastanza inutile criticare modi di vita che, per ignoranza, noi stessi abbiamo seguito fino a quando non abbiamo inserito le giuste informazioni nel nostro modo di fare.

Il miglior aiuto all'umanita' sofferente, e' quindi quella di informare tutti dell'esistenza di Dio, delle Sue leggi, e di come relazionare con Lui fino a raggiungere il livello spirituale, dove tutte le sofferenze hanno termine e tutti i problemi sono AUTOMATICAMENTE risolti.



Questo e' quello che avrei risposto al tuo amico.



Sperando di averti un po' rasserenato, ti saluto

e ti auguro buone feste in coscienza di Krishna.



Haribol

Gokula Tulasi das

(RKC Pisa - http://www.radiokrishna.com)"
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina stata generata in 0,14 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum