RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]



                                     


Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 02
 Sulla strada della bhakti
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

RKC Mayapur
Amministratore

RKC

Estero


1958 Messaggi

Inserito il - 31/01/2004 : 00:49:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Da un e-mail privata
-----------------
... ti scrivo perchè credo di potermi aprire liberamente e parlarti un pò di me.
Da quando ho iniziato a interessarmi alla Coscienza di Krsna(circa un anno) ho notato notevoli cambiamenti
dentro di me....Premetto che per anni ho seguito una vita completamente sregolata,mangiando carne,fumando sigarette,bevendo alcolici,usando intossicanti e via discorrendo.Ora ho smesso di mangiare carne,non fumo sigarette,ho notevolmente diminuito gli alcolici ma ho ancora difficolta a smettere con gli intossicanti(non uso comunque cocaina o cose del genere,fumo delle canne, tanto per essere chiari).
-------------------------------------------
Caro ......., Hare Krishna, ti ringrazio molto
per la tua sincera lettera.
E' molto importante confidare i propri pensieri
e chiedere consiglio a chi e' situato sulla nostra
stessa strada verso la realizzazione del se', perche'
cosi' anche noi possiamo capire come superare le
varie tappe che si presentano.

Le quattro regole di comportamento, necessarie ad
un reale avanzamento, possono essere accettate anche
gradualmente, come stai facendo tu. La cosa piu'
importante e' il canto del mantra Hare Krishna, che
dovrebbe essere mantenuto costante, giornalmente,
nella misura di almeno 16 giri di japa al giorno.
Anche se inizialmente non riesci a raggiungerne 16,
cerca di mantenere una quota costante sotto la quale
non scendere mai, e aumentala gradualmente.

Fondamentale e' anche lo studio attento dei libri di
Srila Prabhupada, tu che frequenti l'universita' e sei
quindi abituato a studiare, sarai avvantaggiato e
troverai grande illuminazione nel leggere soprattutto
la Bhagavad-Gita, il Libro di Krishna, il Nettare
della Devozione e lo Srimad Bhagavatam.
Vi troverai tutte le risposte alle tue giuste domande.

Il bhakti yoga e' un processo scientifico, e porta senza
dubbio i suoi risultati, se seguito bene, nonostante le
nostre cattive abitudini precedenti, che vengono tutte
eliminate durante il progresso spirituale, non aver paura.
L'importante e' che tu sia sincero nelle intenzioni e
costante nella pratica.
-------------------------------------
Il mio problema più grosso è questo:da una parte sento una fortissima vocazione verso il servizio di devozione( leggendo la Bhagavad Gita ho trovate risposte a molte mie domande),ma dall' altra ho una notevole difficoltà nell'accettare quella che a me appare una diversità rispetto a tutta la gente che mi sta intorno.Mi spiego meglio:io vivo a ....... ,un piccolo paese ,qui la gente è totalmente immersa nell'attaccamento alla materia(me compreso ovviamente!)specialmente nell'uso di carne e droghe.Qui le persone vengono valutate in base al "numero di ragazze conquistate",nessuno dei miei coetanei ha un benchè minimo interesse per la religione e se uno prova a parlare del Signore vieno considerato un "vecchio".
Io vado all'università e anche lì le cose non sono molto diverse........
Tutto ciò provoca in me una grande difficoltà nello staccarmi da certe cose,quando esco mi trovo sempre in situazioni che mettono in risalto la mia parte più illusa.Devo cambiare totalmente compagnia??
Soffro anche di un' incertezza cronica,o meglio di un'incapacita nel mettere in atto cose delle quali sono comunque convinto.
Unica eccezione a tutto questo è l'amicizia con ...... :con lui sono decisamente in sintonia,molto spesso parliamo del Signore Krsna e più di una volta abbiamo fatto un piccolo kirtana in camera sua.......
-------------------------------
Quella che fai e' un'analisi corretta della tua situazione,
della quale dai anche la giusta soluzione.
Dal momento in cui una persona cerca di diventare devoto,
comincia a remare controcorrente, e si trova quindi ad
andare nella direzione opposta a quella della gente comune.
Loro stanno andando all'inferno, consapevolmente o meno,
e chi sta cercando di salvarsi e' da loro considerato un
"pesce fuor d'acqua", ed e' esattamente cosi' che un
devoto si sente, quando frequenta persone che non
condividono il suo interesse per gli argomenti spirituali.

Ma in realta' sono solo questi, quelli importanti, soprattutto
nella forma di vita umana, perche' tutto il resto passa, e'
solo una questione di tempo, mentre noi siamo eterni, ed
al momento di lasciare questo corpo, dovremo andare da
qualche altra parte: se abbiamo sviluppato la coscienza di
Krishna durante la vita, torneremo da Lui, nel mondo
spirituale, altrimenti rimarremo nel ciclo di nascite e
morti del mondo materiale.
Questa e' la nostra scelta, possiamo rimanere in mezzo
al gregge, a morire a tempo debito, senza sapere nulla
della nostra futura condizione, oppure possiamo andare
da Krishna, e vivere eternamente felici con Lui e con i
Suoi devoti.
La soluzione alla tua situazione di incertezza e' appunto
quella, come tu dici, di "cambiare compagnia", cioe' di
frequentare altri devoti del Signore, per scambiare con
loro una relazione basata sulla realizzazione spirituale,
che e' il vero scopo della vita.
La prova e' che quando ti riunisci con ........ e parlate di
Krishna, per un attimo ti senti fuori da tutta quell'illusione.

Ora, i tempi e i modi con cui frequentare i devoti sono a tua
discrezione, ma ricorda che da questo dipendera' la velocita'
del tuo progresso spirituale, nel senso che, soprattutto all'inizio,
e' necessario partecipare agli incontri e ai programmi con i
devoti il piu' possibile, e sviluppare con loro una relazione di
amicizia, per prendere fiducia nella strada che stiamo
percorrendo insieme.
Gradualmente, riuscirai a frequentare anche altre persone,
non devote, senza perdere la tua fiducia nella coscienza di
Krishna e, anzi, cercando di aiutarli ad avvicinarsi a Krishna,
quando possibile (ci sono diversi comportamenti da adottare
nei confronti di altre persone, li trovi descritti nel Nettare
dell'Istruzione).

Ti invito percio' a contattare un tempio o un centro dove
si svolgono questi incontri, e a diventarne un frequentatore
abituale, in modo da stabilirti con fiducia e sicurezza nel
servizio devozionale al Signore.
In Italia i principali centri sono elencati sul nostro sito,
in questa pagina:
http://www.radiokrishna.com/centri_italia.php
scegline uno e prova se ti trovi bene, eventualmente
puoi contattarne diversi e poi scegliere quello piu'
idoneo alle tue esigenze...

Io comunque rimango a tua disposizione, puoi scrivermi
quando vuoi o meglio telefonarmi in redazione, cosi'
possiamo parlare in modo piu' completo (050 2201411).
--------------------------------
A volte ho dei dubbi enormi...uno tra mille:io amo molto la musica,suono diversi strumenti e quindi ho una naturale attrazione verso il canto dei santi nomi.Questo provoca in me un senso di colpa quando ascolto musica che non sia rivolta al Signore.E' sbagliato continuare ad ascoltare che ne so,Mozart o cose del genere??So che le mie possono sembrarti domande stupide o futili,ma per me sono grossi quesiti irrisolti.
------------------------
Questi e tutti gli altri dubbi si risolveranno presto, se
tu seguirai il processo con costanza e ti associerai
regolarmente con i devoti, non ti preoccupare.

E' normale fare queste domande, anzi e' indice di serieta'
e sincerita'. Vogliamo fare piacere a Krishna, e quindi ci
informiamo di quello che dobbiamo fare o non fare per
soddisfarLo. Questo e' molto buono.

Il principio fondamentale da seguire e' quello di continuare
ad eseguire tutti i nostri doveri, ma con l'intento di soddisfare
Krishna. Se devi ascoltare musica di vario genere perche'
questo e' il tuo lavoro, va bene, puoi sempre offrire a Krishna
i frutti dei tuoi sforzi, e in questo modo spiritualizzerai l'intero
processo, non c'e' bisogno di avere sensi di colpa.
Colpa di cosa ? Non esiste qualcosa che non sia in relazione
a Krishna (perche' tutto proviene da Lui), noi dobbiamo solo
imparare a mettere tutte le nostre azioni al servizio di Krishna,
anche l'ascolto della musica di Mozart o di chiunque altro,
direttamente o, se cio' non e' possibile, indirettamente.
Non ti preoccupare, con il progresso spirituale viene anche la
capacita' di fare questo adeguatamente.
Si tratta di mettere Krishna al centro della nostra vita, tutto qui.

Questi argomenti sono molti interessanti, e richiedono senz'altro
molti approfondimenti che via e-mail e' impossibile fare, percio'
spero di sentirti presto al telefono.
----------------------------
Nella preghiera sono ancora molto incostante,non canto a sufficienza ma tuttavia in qualche occasione ho provato una profonda gioia nel cantare il maha-mantra(ci sono stati brevi momenti in cui mi sentivo in pace e in armonia con qualsiasi cosa) e mi sento sempre più motivato nel farlo.Per andare all'università impiego 40 minuti ,qualche giorno fa ho portato il japa con me in corriera ed ho pregato tutto il viaggio.
Forse è meglio che mi fermi qui,spero di non essere apparso presuntuoso ai tuoi occhi,non ti nascondo che ho sentito dentro di me il bisogno di scriverti,mi è sembrato molto naturale.Ho tralasciato volontariamente molti aspetti di me,magari ne te ne parlerò un'altra volta.Hare Krsna,a presto.
-----------------------------
Non ho visto nessuna presunzione, ma anzi molta
sincerita' nella tua esposizione, e ti ringrazio di
avermi scritto, e' sempre un piacere cercare di
aiutare devoti sinceri come te.

E' corretto anche il fatto che, continuando a recitare
il mantra, tu ti senta sempre piu' motivato a farlo.
E' esattamente uno dei suoi risultati intermedi,
significa che ti stai purificando. Piu' siamo puri, e
piu' il desiderio di cantare Hare Krishna aumenta
in noi, del tutto naturalmente, infatti la nostra
condizione originale e' quella di essere sempre
coscienti di Krishna.

Scrivimi quando vuoi, o meglio telefonami, posso
richiamarti ad un telefono fisso, cosi' parliamo
un po' e, se vuoi, mi racconti le tue sperienze
in coscienza di Krishna.

A presto, Haribol !

Tuo servitore in coscienza di Krishna
Gokula Tulasi das

fabio
Utente Medio


Lazio


17 Messaggi

Inserito il - 02/02/2004 : 13:58:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
... giusto qualche riga solo per soddisfare un dubbio che mi è balenato in mente immediatamente, leggendo una frase della tua risposta- come sempre, a mio modesto giudizio,semplice ed esauriente- a questa e.mail privata...

Caro Gokula(o meglio Gualberto,lo preferisco, se non ti dispiace!), allorchè parli della gente comune che è prossima all'inferno,immagino che ti riferisci, alle prossime nascite materiali immediatamente successive ,le quali essendo legate alla coscienza spirituale da ciascuno posseduta al momento della morte(che come tutti sappiamo è attualmente abbastanza scarsina nella suddetta"gente comune"), comporterà nascite umane peggiori o ahimè animali, od ad altro?

vi saluto
Hare Krishna da fabio
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1958 Messaggi

Inserito il - 03/02/2004 : 12:06:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Fabio, Hare Krishna, grazie dell'intervento che ci permette di chiarire ulteriormente l'argomento.
Si, in effetti mi riferivo al ciclo di nascite e morti a cui l'anima condizionata e' sottoposta nel mondo materiale.
La mia era comunque un'affermazione generalizzata, ovviamente non saranno proprio TUTTI ad andare all'inferno, ma coloro che non seguono le regole che le Scritture ci danno, per il nostro beneficio.

Compiendo attivita' peccaminose, consapevolmente o meno, l'anima individuale sara' costretta a subire una serie di sofferenze proporzionali a quelle stesse attivita'.

Nei casi di forte influsso dell'ignoranza, situazione descritta nel capitolo 17 della Bhagavad-Gita (cioe', praticamente quello che avviene oggigiorno nella societa') l'essere che si rende colpevole di attivita' degradate dovra' soffrire per molte migliaia di anni sui pianeti infernali (come si legge nel terzo canto dello Srimad Bhagavatam, capitoli 30 e 31, e nel quinto canto, capitolo 26) dopodiche' prendera' nascita in un corpo animale sulla Terra, secondo la sua coscienza, e trasmigrera' attraverso il ciclo evolutivo composto da 8.400.000 forme di vita, fino a raggiungere ancora la forma umana. A questo punto potra' di nuovo decidere se rimanere nel ciclo di nascite e morti oppure liberarsene e tornare a Dio, nella sua dimora originale, in piena conoscenza e felicita', eternamente.

Per ottenere quest'ultimo risultato, le Scritture ci indicano molte vie, la piu' sicura delle quali (e praticamente l'unica che possa essere seguita nell'epoca attuale) e' la pratica del bhakti yoga, che inizia con il canto e la recita del maha mantra
HARE KRISHNA HARE KRISHNA KRISHNA KRISHNA HARE HARE
HARE RAMA HARE RAMA RAMA RAMA HARE HARE

Spero di sentirti presto, Haribol !

Tuo servitore
Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina

fabio
Utente Medio


Lazio


17 Messaggi

Inserito il - 09/02/2004 : 14:08:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
..bè che dire.. come volevasi dimostrare! D'altronde gli insegnamenti contenuti nella B.gita sono a mio vedere come dire univoci, soprattutto se legati al commento di una personalità come quella di Srila Prabhupada, che accompagna il lettore verso per verso della lettura di questo affascinante insegnamento..
Per quanto riguarda la precisazione,infine, l'ho ritenuta necessaria ,caro Gualberto ,poichè, dato il contesto territoriale della mia attuale vita(roma e litorale nord di roma ), immagino(e bada ben che parlo per esperienza vissuta )che qualcuno non addentrato nella materia, avrebbe interpretato la parola "inferno" in maniera GENERALIZZATA a qualcosa, che si può paragonare (per capirci) al volume di Dante Alighieri.
Hare Krishna
fabio
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1958 Messaggi

Inserito il - 09/02/2004 : 23:01:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Giusta precisazione con buoni argomenti, dalla tua risposta capisco come sia necessario discriminare il piu' possibile i suggerimenti dati in pubblico, forse piu' di quanto fatto finora.

Ti ringrazio, Hare Krishna

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,14 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum