RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]



                                     


Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 24
 Posizione di Shiva (Shiva-tattva)
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

RKC Mayapur
Amministratore

RKC

Estero


1964 Messaggi

Inserito il - 30/04/2013 : 13:40:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Risposta all'argomento in oggetto, sollevato dall'utente "Mohini":

Cara Mohini, Hare Krishna, grazie della domanda.

A beneficio dei lettori del forum, chiariamo che la parola sanscrita Siva, con la lettera S apostrofata (che appare qui senza apostrofo per mancanza di codifica internazionale), si pronuncia piu’ o meno “sciva”.

Ecco alcune spiegazioni date da Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Svami Prabhupada a proposito dello Siva-tattva, la posizione di Siva nell'Universo materiale.

--------------

[...]

"Siva non e' un essere individuale, ma non e' nemmeno Dio, la Persona Suprema. La sua posizione e' intermedia tra quella di Vishnu, il Signore Supremo, e quella di Brahma, che e' un essere individuale.

La Brahma-samhita (5.45) spiega cosi' la posizione di Siva:

ksiram yatha dadhi vikara visesa yogat
sanjayate na hi tatah prithag asti hetoh
yah sambhutam api tatha samupaiti karyad
govindam adi-purusam tam aham bhajami

Siva e' considerato come lo yogurt (dadhi). Lo yogurt non e' altro che latte trasformato, ma non puo' essere considerato latte. Similmente, Siva possiede quasi tutti i poteri di Sri Vishnu e supera le qualita' dell'essere individuale, ma non è esattamente simile a Vishnu, proprio come lo yogurt, sebbene sia latte trasformato, non e' esattamente simile al latte." [...]

(Dallo Srimad Bhagavatam 4.30.24, spiegazione)

-------------------

[...]

"Sri Vishnu agisce attraverso Siva nella creazione del mondo materiale. Siva agisce per conto di Sri Vishnu. Quando il Signore afferma nella Bhagavad-gita (14.4) di essere il padre di tutti gli esseri (aham bija-pradah pita), Si riferisce alle azioni compiute da Sri Vishnu attraverso Siva.

Sri Vishnu non e' mai toccato dalle attivita' materiali, e quando deve compiere attivita materiali, Sri Vishnu le compie attraverso Siva.

Per questa ragione Siva è adorato allo stesso livello di Sri Vishnu.

Quando il Signore non e' toccato dall'energia esterna appare nella forma di Sri Vishnu, ma quando entra in contatto con questa energia esterna appare nel Suo aspetto di Siva".

(Dallo Srimad Bhagavatam 8.7.22, spiegazione)

--------------------------

In altre parole Siva e' il Signore Stesso, ma in una forma che tocca la materia, per questo si fa l'esempio dello yogurt, che deriva dal latte ma non e' esattamente latte.

Siva e’ una particolare manifestazione del Signore che, per gestire l’influsso dell'ignoranza nell'Universo quale guna avatara, accetta un corpo materiale, e come tale inferiore a quello di Vishnu.
Tuttavia conserva delle qualita' che lo rendono superiore ad ogni essere individuale (jiva-tattva), fosse anche il piu' puro, come Brahma.

Nel capitolo 21 del "Nettare della Devozione", sempre di Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Svami Prabhupada, troverai descritte le 50 qualita' dell'essere individuale (jiva-tattva), le 55 di Siva (Siva-tattva), le 60 di Vishnu (Vishnu-tattva) e le 64 di Krishna, il summum bonum, che riunisce in Se' tutti i Vishnu-tattva.

Leggerle ti permettera' di valutare la posizione dei differenti tattva, che si puo' schematizzare per esempio cosi':

Krishna - 64 qualita' - 100% (Origine di tutti i tattva)
Vishnu - 60 qualita' - 93.75% (Vishnu-tattva)
Siva - 55 qualita' - 85.9375% (Siva-tattva)
Jiva - 50 qualita' - 78.125% (Jiva-tattva)

Ecco perche' si dice che Vishnu possa manifestare al massimo circa il 94% della potenza di Krishna, Siva circa l'86%, e il Jiva, l'anima individuale (come noi), nella sua posizione piu' elevata, quella di Brahma, circa il 78%.

Nel prossimo post pubblicheremo l'elenco delle qualita' di cui si parla.

Altre importanti informazioni sulla posizione di Siva puoi trovarle per esempio nei seguenti versi dello Srimad Bhagavatam: 4.4.16, 4.6.42, 4.24.28-29-30, 8.7.23, 9.9.7.


Haribol !

Gokula Tulasi das



RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1964 Messaggi

Inserito il - 30/04/2013 : 18:08:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Dal "Nettare della Devozione", di Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Svami Prabhupada.

CAPITOLO 21

LE QUALITA’ DI KRISHNA

[...]

"Dopo aver consultato diverse Scritture, Srila Rupa Gosvami da’ il seguente elenco delle qualita’ trascendentali di Sri Krishna:

1) il Suo corpo ha un aspetto estremamente affascinante;
2) porta su di Se’ tutti i segni di buon auspicio;
3) ha un fascino irresistibile;
4) e’ radioso;
5) ha una forza straordinaria;
6) e’ eternamente giovane;
7) e’ maestro di tutte le lingue;
8) e’ veritiero;
9) parla in modo piacevole;
10) e’ dotato di un eloquenza ammirabile;
11) possiede la piu’ alta erudizione;
12) ha un’intelligenza straordinaria;
13) possiede un genio eccezionale;
14) e’ un artista;
15) e’ estremamente ingegnoso;
16) e’ dotato di una grande abilita’;
17) e’ riconoscente;
18) ha una determinazione inflessibile;
19) e’ un perfetto giudice del tempo e delle circostanze;
20) vede e parla secondo l’autorita’ dei Veda, delle Scritture rivelate;
21) e’ perfettamente puro;
22) maestro di Se’;
23) perseverante;
24) tollerante;
25) indulgente;
26) grave;
27) soddisfatto in Se’ stesso;
28) equanime con tutti;
29) magnanimo;
30) religioso;
31) eroico;
32) compassionevole;
33) rispettoso;
34) cortese;
35) liberale;
36) riservato;
37) protegge le anime sottomesse;
38) e’ felice;
39) e’ benevolo con i Suoi devoti;
40) e’ conquistato dall’amore;
41) e’ la fonte di ogni buona fortuna;
42) possiede una potenza eccezionale;
43) gode di una fama illimitata;
44) e’ amato da tutti;
45) favorisce i devoti;
46) affascina tutte le donne;
47) e’ degno dell’adorazione di tutti;
48) possiede tutte le opulenze;
49) e’ infinitamente onorabile;
50) e’ il controllore supremo.

Il Signore possiede queste cinquanta qualita’ trascendentali in una pienezza profonda come l’oceano. Cio’ significa che la portata di queste qualita’ e’ inconcepibile.

Poiche’ ogni essere individuale e’ parte integrante del Signore Supremo, se diventa puro devoto del Signore puo’ possedere anche lui tutte queste qualita’, ma in una quantita’ infinitesimale, mentre il Signore le possiede da sempre nella piu’ perfetta pienezza.

[...]

Oltre alle cinquanta menzionate sopra, Sri Krishna ne possiede altre cinque, che talvolta si manifestano parzialmente nella persona di Brahma e Siva:

51) e’ immutabile;
52) e’ onnisciente;
53) gode di una freschezza eterna;
54) possiede un corpo costituito di eternita’, conoscenza e felicita’ (sac-cid-ananda);
55) possiede tutti i poteri soprannaturali.

Krishna possiede cinque altre qualita', che si trovano anche nel corpo di Narayana:

56) possiede inconcepibili potenze;
57) emana dal Suo corpo innumerevoli universi;
58) e’ la fonte originale di tutti gli avatara;
59) da’ la liberazione ai nemici che uccide;
60) attrae anche le anime liberate.

Tutte queste qualita’ trascendentali appaiono meravigliosamente nell’aspetto personale di Sri Krishna.

Tuttavia, oltre a queste sessanta qualita’ trascendentali, Krishna ne possiede ancora quattro, che non si trovano neppure in Narayana, tantomeno quindi negli esseri celesti e i quelli comuni:

61) e’ autore di un’infinita’ di divertimenti meravigliosi (in particolare nella Sua infanzia);
62) e’ attorniato da devoti che hanno per Lui un amore sublime;
63) attira a Se’, col suono del Suo flauto, gli esseri di tutti gli universi;
64) la Sua bellezza non ha rivali in tutta la creazione.

Aggiungendo queste quattro eccezionali caratteristiche di Sri Krishna a quelle precedenti, le qualita’ del Signore sono sessantaquattro in tutto".

[...]

----------------------

L'opera continua poi con la presentazione delle 64 qualita' menzionate, in relazione a differenti scritture.

Ricordiamo che questo testo puo' essere consultato o scaricato in formato pdf dall'apposita pagina: www.radiokrishna.com/books


Link diretti:

Presentazione www.facebook.com/note.php?note_id=174486434697

Anteprima (su piattaforma scribd): www.scribd.com/doc/127485843/Il-Nettare-Della-Devozione-anteprima

Download in pdf: http://www.radiokrishna.com/fclick/fclick.php?fid=301

Richiesta versione cartacea: www.radiokrishna.com/carrello/

Buona lettura, Haribol !

Gokula Tulasi das
(RKC Mayapur)

N.B. Il "Nettare della Devozione" e' indicato a praticanti di Bhakti yoga gia' sufficientemente esperti da comprenderne i numerosi termini tecnici specifici.
Torna all'inizio della Pagina

Mohini
Utente Normale



6 Messaggi

Inserito il - 01/05/2013 : 10:32:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare krishna,
grazie per il post.
Quindi se ho capito bene: Shiva è l'aspetto di Vishnu quando quest'ultimo entra in contatto con la materia e per questo non è totalmente trascendente. Shiva ha due compiti: fecondare la materia come padre e degli esseri ed essere il guna avatar dell'ignoranza.

Quando allora si dice che Shiva è aldilà dei guna è sbagliato? Shiva o Sadashiva non so cosa voglia dire quest'ultimo appellativo.

grazie mille
M.
Torna all'inizio della Pagina

Mohini
Utente Normale



6 Messaggi

Inserito il - 01/05/2013 : 10:40:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
un'ultima domanda: quando si dice che Shiva è il culto più antico, a cosa ci si sta riferendo, a quale periodo, quello naturalistico? Scusa ma ho delle grosse difficoltà a comprendere Shiva e lo shivaismo.

Haribol
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1964 Messaggi

Inserito il - 07/05/2013 : 09:24:58  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare Krishna Mohini, si, possiamo dire in un certo senso, per la nostra comprensione, che quando Vishnu "tocca" la materia, prende la forma di Siva, e manifesta cosi' alcune qualita' in meno rispetto a Vishnu.

Tuttavia Siva in se' stesso trascende i guna, le influenze materiali, e ne e' il controllore, essendo il marito di Durga, l'energia materiale stessa.

Il fatto e', pero', che adorando Siva quale essere celeste si puo' raggiungere al massimo il suo pianeta, Sivaloka, che e' marginale e non eterno, quindi la destinazione degli adoratori di Siva in tale modalita', non e' ancora quella finale.

Cio' e' spiegato per esempio nel commento di Srila Prabhupada al verso 4.24.29 dello Srimad Bhagavatam:

[...]

"Questo verso afferma inoltre che se l'uomo esegue il suo dovere prescritto (sva-dharma) per cento vite -un brahmana, per esempio, che continui ad agire come brahmana- diventa degno di essere elevato a Brahmaloka, il pianeta in cui vive Brahma.

Esiste anche un pianeta detto Sivaloka, o Sadasivaloka, che è situato in una posizione marginale, tra il mondo spirituale e quello materiale.

Se, dopo aver vissuto a Brahmaloka, una persona acquisisce ulteriori qualità, sarà elevata a Sivaloka, e se diventerà ancora più qualificata potrà raggiungere i Vaikunthaloka. Tutti mirano ai Vaikunthaloka, perfino gli esseri celesti, ma soltanto un devoto che non desidera benefici materiali può raggiungerli.

Come la Bhagavad-gita (8.16) afferma, non è possibile sfuggire alla sofferenza materiale, nemmeno elevandosi a Brahmaloka: abrahma-bhuvanal lokah punar avartino 'rjuna. Non siamo al sicuro nemmeno elevandoci a Sivaloka, perché il pianeta di Siva è marginale.

Chi invece raggiunge Vaikunthaloka ottiene la più alta perfezione della vita e giunge al termine del processo evolutivo (mam upetya tu kaunteya punar janma na vidyate).

In altre parole, è confermato qui che nella società umana colui che ha sviluppato la sua coscienza deve impegnarsi nella coscienza di Krsna per essere elevato ai Vaikunthaloka o a Krishnaloka immediatamente dopo aver lasciato il corpo.

Tyaktva deham punar janma notti mam eti so 'rjuno (Bhagavad Gita 4.9).

Un devoto che è situato nella piena coscienza di Krishna, che non è attratto da nessun altro loka, o pianeta, nemmeno da Brahmaloka o da Sivaloka, è immediatamente trasferito a Krishnaloka (mam eti). Questa è la più alta perfezione della vita, ed è la perfezione del processo evolutivo.

--------------------------

Oltre alle funzioni che tu descrivi, a quella di precettore dei principi religiosi insieme ad altre 11 grandi personalita’ dell’Universo (i mahajana) e a diverse altre, Siva si occupa di elevare le persone sotto l'influsso dell'ignoranza, ma egli ovviamente non ne e' influenzato, nonostante le apparenze esterne possano far credere il contrario a chi non conosca la sua posizione:

[...]
"L'austerità di Siva non si manifesta esattamente come quella di un vaisnava; egli è certamente il primo fra tutti i vaisnava, ma esibisce delle caratteristiche particolari a favore di una categoria di persone che non può seguire i principi vaisnava. Gli shivaiti, i devoti di Siva, generalmente vestono come lui e talvolta si dedicano al fumo o al consumo di sostanze intossicanti. Queste pratiche, però, non sono mai accettate da coloro che seguono i principi vaisnava".

(Dallo Srimad Bhagavatam 4.6.39, spiegazione)

-------------------

In realta' Siva e' il piu' grande devoto di Krishna ed e' a capo di una sua propria successione disciplica di maestri spirituali vaisnava, tra le 4 riconosciute nel nostro Universo (la Rudra-sampradaya, conosciuta oggi come Vishnu-svami sapradaya), percio' la piu' alta destinazione, Vaikunthaloka o Krishnaloka, puo' essere raggiunta adorando Siva come vaisnava, anziche' come essere celeste.

Abbiamo degli esempi in proposito, sempre nello Srimad Bhagavatam, quali i Praceta (i figli del re Pracinabarhisat), Nabhaga, il padre del grande Ambarisa Maharaja, e altri che lo accettarono come maestro spirituale vaisnava, raggiungendo la piu’ alta perfezione.

In altre parole, la posizione trascendentale di Siva e’ pienamente realizzata soltanto dai devoti, mentre gli adoratori del suo aspetto di essere celeste, benche’ ottengano facilmente delle benedizioni materiali sottoforma di opulenza eccetera (benedizioni che resteranno temporanee e che li legheranno comunque al ciclo di nascita e morte in questo mondo), non possono ottenere la meta piu’ alta, gli eterni pianeti spirituali Vaikuntha o Krishnaloka.

Per rispondere alla tua ultima domanda, poi, il culto di Siva, al contrario di quanto possano credere certi cosiddetti “storici” o “induisti”, non e’ il piu’ antico neppure in questo Universo, perche’ Siva e’ “nato” da Brahma dopo che egli si era gia’ dedicato all’adorazione di Krishna, prima di mettere in atto la creazione.

La sua adorazione era culminata nel famoso verso della Brahma Samhita “Govindam adi purusam… Tam aham bhajami” che significa “Adoro Govinda, il Signore primordiale”, come ci spiegano anche, per esempio, il primo e il secondo canto dello Srimad Bhagavatam, con grande quantita’ di dettagli.

E’ ovvio percio’ che prima del culto di Siva, esisteva gia’ quello di Krishna, o Govinda, il Signore nella Sua forma originale. Esisteva anzi da prima della creazione stessa, perche’ il servizio di devozione e l’adorazione di Krishna e di Vishnu, sono eterne sui pianeti spirituali.

La funzione di Siva e la sua adorazione come padre di tutti gli esseri, da parte dei suoi seguaci, e’ presente soltanto nella fase manifestata della creazione materiale, e non e' la piu' antica.
La piu' antica e' l'adorazione di Krishna, che si svolge da sempre nel mondo spirituale.

Nel prossimo post cercheremo di chiarire il significato di Sadasiva.

Un caro saluto, Haribol !

Gokula Tulasi das
(RKC Mayapur)
Torna all'inizio della Pagina

Mohini
Utente Normale



6 Messaggi

Inserito il - 10/05/2013 : 15:21:12  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
grazie mille, haribol
Torna all'inizio della Pagina

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1964 Messaggi

Inserito il - 15/05/2013 : 04:42:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Hare Krishna, approfondiamo adesso ancor piu' la posizione di Siva e il significato della parola "Sadasiva", citando la spiegazione di Srila Prabhupada al verso 6.79 della Sri Caitanya Caritamrita, Adi Lila:


"Rudra, che e' una espansione di Sadasiva e che appare in illimitati Universi, e' anche un gunavatara (incarnazione qualitativa) ed e' l'ornamento di tutti gli esseri celesti negli infiniti Universi".


SPIEGAZIONE di Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Svami Prabhupada:

"Esistono undici espansioni di Rudra, o Siva. Esse sono le seguenti:

1) Ajaikapat,
2) Ahibradhna,
3) Virupaksa,
4) Raivata,
5) Hara,
6) Bahurupa,
7) Devasrestha Tryambaka,
8) Savitra,
9) Jayanta,
10) Pinaki e
11) Aparajita.

Oltre a queste espansioni ci sono otto forme di Rudra chiamate

1) Terra,
2) Acqua,
3) Fuoco,
4) Aria,
5) Cielo,
6) Sole,
7) Luna e
8) Soma-Yaji.

Generalmente tutti questi Rudra hanno cinque facce, tre occhi e dieci braccia. A volte si vede che Rudra e' paragonato a Brahma e considerato un essere vivente [comune, n.d.r.].

Ma quando Rudra e' spiegato come un'espansione parziale della Suprema Personalita' di Dio, egli e' paragonato a Sesa. Siva e' dunque allo stesso tempo un'espansione del Signore Vishnu e, nella sua capacita' di annientare la creazione, una delle entita' viventi.

Come espansione di Sri Vishnu e' chiamato Hara, e trascende le qualita' materiali, ma quando e' in contatto con il tamo-guna egli appare contaminato dalle influenze della natura materiale. Cio' e' spiegato nello Srimad-Bhagavatam e nella Brahma-samhita.

Nel Bhagavatam, Decimo Canto, si afferma che il Signore Rudra e' sempre associato con la natura materiale, quando lei e' nella fase neutra, non manifestata, ma quando le influenze della natura materiale sono agitate, Egli si associa con la natura materiale da una certa distanza.

Nella Brahma-samhita il rapporto tra Vishnu e Siva e' paragonato a quello tra latte e yogurt. Il latte viene trasformato in yogurt da alcuni additivi, ma sebbene latte e yogurt abbiano gli stessi ingredienti, hanno funzioni diverse.

Allo stesso modo, Siva e' un'espansione di Sri Vishnu, ma a causa della sua partecipazione alla distruzione della manifestazione cosmica, si considera essere cambiato, come il latte trasformato in yogurt.

Nei Purana si puo' constatare che Durga appare a volte dalle teste di Brahma e a volte dalle teste di Vishnu. L'annichilatore, Rudra, nasce da Sankarsana e dal fuoco finale, che brucia l'intera creazione.

Nel Vayu Purana c'e' una descrizione di Sadasiva in uno dei pianeti Vaikuntha. Quel Sadasiva e' una espansione diretta della forma di Krishna, per [i Suoi, n.d.r.] divertimenti.

Si dice che Sadasiva (il Signore Sambhu) sia un'espansione di Sadasiva dei pianeti Vaikuntha (Vishnu) e che la sua consorte, Mahamaya, sia un'espansione di Ramadevi, o Lakshmi. Mahamaya e' l'origine o il luogo di nascita della natura materiale".

-------------------------------

E' interessante notare che il Signore Sadasiva che risiede sugli eterni pianeti spirituali Vaikuntha (e rientra percio' nella categoria dei Vishnu tattva), e' apparso anche durante i passatempi del Signore Caitanya Mahaprabhu, circa 500 anni fa, con la forma di Sri Advaita Acharya, come possiamo capire dal verso 17.301 della Sri Catanya Caritamrita, Adi Lila, nel cui commento Srila Prabhupada spiega la posizione del panca-tattva:

"Gli associati personali [di Sri Caitanya, n.d.r.] come Gadadhara, Svarupa Damodara, Ramananda Raya, e i sei Gosvami (guidati da Rupa Gosvami) sono tutti situati nei rispettivi sentimenti trascendentali". [...]

SPIEGAZIONE di Sua Divina Grazia Bhaktivedanta Svami Prabhupada:

"[...]
Il Gaura-ganoddesa-dipika, versi da 11 a 16, dichiara che sebbene il Signore Caitanya Mahaprabhu appaia come un devoto, Egli non e' altri che il figlio di Nanda Maharaja [Krishna, n.d.r.].

Allo stesso modo, anche se Sri Nityananda Prabhu apparve come assistente di Sri Caitanya, Egli non e' altro che Baladeva, il "portatore dell'aratro".

Advaita Acarya e' l'incarnazione di Sadasiva del mondo spirituale.

Tutti i devoti guidati da Srivasa Thakura sono la Sua energia marginale, mentre i devoti guidati da Gadadhara Pandita sono manifestazioni della Sua potenza interna.

Sri Caitanya Mahaprabhu, Advaita Prabhu e Nityananda Prabhu appartengono tutti alla categoria Visnu-tattva.

Poiche' il Signore Caitanya e' un oceano di misericordia, ci si rivolge a Lui come Mahaprabhu, mentre Nityananda e Advaita, essendo due grandi personalita' che assistono il Signore Caitanya, vengono chiamati Prabhu.

Cosi' ci sono due Prabhu e un Mahaprabhu. Gadadhara Gosvami e' il rappresentante del perfetto maestro spirituale brahmana. Srivasa Thakura rappresenta il perfetto devoto brahmana.

Questi cinque sono conosciuti come il Panca-tattva".

-----------------------

Buon proseguimento e un caro saluto, Haribol !

Gokula Tulasi das
(RKC Mayapur)

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,19 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum