RKC Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 RADIO KRISHNA CENTRALE
 DOMANDE E RISPOSTE N. 18
 devi sastra
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

amara
Utente Medio



17 Messaggi

Inserito il - 07/09/2009 : 18:55:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Tutte le glorie a Srila Gurudeva!
volevo sapere perfavore se la linea brahma-madhva-gaudiya-vaishnava accetta come autorevoli i testi detti devi mahatmya (dal markandeya purana), devi bhagavatam e devi gita.
grazie

Hare Krishna

RKC Mayapur
Amministratore

RKC


Estero


1982 Messaggi

Inserito il - 08/09/2009 : 22:44:23  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro amara, Hare Krishna, naturalmente tutti i Veda sono autorevoli e perfettamente veritieri in se' stessi, ma ogni testo e' adatto ad illuminare una certa, particolare categoria di persone.

I 18 maggiori purana, tra cui il markandeya purana, sono intesi come segue:

_6 possono guidare le persone sotto l'influsso dell'ignoranza.
_6 possono guidare le persone sotto l'influsso della passione.
_6 possono guidare le persone sotto l'influsso della virtu'.

Tutti e 18, come del resto gli altri scritti vedici compilati da Srila Vyasadeva prima di raggiungere la piena maturita' spirituale, rimangono a livello materiale e possono elevarci, al massimo, soltanto fino ad una comprensione impersonale della Verita' Assoluta (nella migliore delle ipotesi), perche' non insistono sufficientemente sulla bhakti, il servizio devozionale al Signore.

Srila Vyasadeva si accorse di questo problema quasi immediatamente dopo aver compilato tutti i 4 veda principali, i purana, le itihasa e il mahabharata, infatti non era per niente soddisfatto del proprio lavoro e sentiva come un vuoto dentro di se'.

Chiese quindi consiglio a Srila Narada muni, il suo maestro spirituale, il quale gli suggeri' di scrivere lo Srimad Bhagavatam, che sarebbe stato conosciuto come il purana "amalam", "senza macchia", cioe' privo di qualsiasi contaminazione dovuta alle influenze materiali: infatti lo Srimad Bhagavatam e' destinato a guidare le persone situate sotto l'influsso della pura virtu', detta suddha-satva (questo episodio della vita di Srila Vyasadeva, e il suo incontro con Narada muni, e' descritto nello stesso Srimad Bhagavatam, canto 1, capitolo 4).

Lo Srimad Bhagavatam mira direttamente al vero scopo finale di tutti i Veda, la conoscenza di Krishna, Dio, la persona suprema (come Krishna conferma nella Bhagavad-Gita 15.15, dicendo:

vedais ca sarvair aham eva vedyo
vedanta-krid veda-vid eva caham

TRADUZIONE
"Il fine di tutti i Veda è quello di conoscerMi. In verità Io sono Colui che ha composto il Vedanta e sono Colui che conosce i Veda".

(vedi qui: www.harekrsna.it/libri_on_line/la_bhagavad_gita/capitolo_15_cont.asp ), e fornisce informazioni autorevoli su di Lui e sul Suo servizio di devozione.

Gli altri veda invece, che spesso presentano diverse personalita' come se fossero supreme (generalmente esseri celesti), devono essere considerati ad un livello comparativamente inferiore allo Srimad Bhagavatam, perche' rivelano la Verita' Assoluta soltanto parzialmente (a causa dei desideri materiali delle persone per cui sono intesi).

Lo Srimad Bhagavatam invece, rivela la Verita' piu' alta.

Per comprendere questo punto si possono portare ad esempio i diversi livelli di insegnamento nelle scuole pubbliche: esiste la scuola elementare, quella superiore e l'Universita', e tutte propongono libri di testo certamente autorevoli e validi, ma adatti soltanto ai propri studenti, e non a quelli di un'altra scuola (specie se di livello superiore).

Similmente, studiando i Veda si possono raggiungere diversi livelli di comprensione spirituale (come frequentando una certa scuola, se ne otterra' il relativo titolo di studio), ed il livello piu' elevato e' raggiunto studiando lo Srimad Bhagavatam, il purana immacolato.

D'altra parte, perfino lo stesso Vyasadeva, l'autore, non fu soddisfatto di aver scritto tutti gli altri Veda, percio' non sara' possibile ottenere il beneficio piu' elevato senza rivolgerci al Bhagavat purana, la crema dei Veda.

Per tale ragione, Srila Prabhupada si e' concentrato su quest'opera, traducendo e commentando lo Srimad Bhagavatam fino al canto 10, capitolo 14. Una sua lettura attenta ci fornira' la piena conoscenza, diretta o indiretta, anche di tutto il resto della letteratura vedica (che e' compresa in Krishna, Dio, la persona suprema), e non viceversa, allo stesso modo in cui una persona con una laurea universitaria "ad honorem", conosce gia' le materie delle scuole elementari, medie e superiori.

Haribol !

Gokula Tulasi das
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
RKC Forum © RKC - tutti i diritti riservati Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,12 secondi. radiokrishna | TRKN | Snitz Forum